"... Bozzetti metafisici i tuoi.

 

 

Un linguaggio poetico che ricorda,

tra altri, Ungaretti.

 

Abolita la punteggiatura,

distrutto l'ordine sintattico.

 

 

E le parole posseggono tutte

sensi allusivi, sfuggenti...

 

Assieme alle parole dette,

le pause e i silenzi.

 

 

Poesia pura?!"

 

 

P. Cristiano Penner, 1964

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Lui ed io a Monza, prima metà Anni Sessanta  

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Docente di Lettere e Storia dell'Arte, Prefetto degli

Studi al PIME Monza, "missionario" tra i banchi di

scuola, a farci scoprire ed amare la bellezza.

 

 

Colto senza accademismi, disponibile, accogliente,

sensibile alle nostre esigenze, incoraggiante ai nostri

giovani slanci, generoso nell'ascolto, di poche parole.

 

Io irrequieto, insofferente ed esplosivo, nella mia

ricerca di non-so-ancora-che, tu pacato, quei tuoi

sofferti mugolii, tra una sigaretta e l'altra, prima d'ogni

frase.

 

 

"Non prendersi troppo sul serio" il mantra, con un

sorriso, ma senza mai frenarmi, anzi, e se oggi, da

settantenne folle, insisto a fare poesia, sappi che ne sei

grande complice.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                       

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

"La situazione è grave ma non è seria..."

Ennio Flaiano

 

"Persona - Società - Ambiente"

triade fatta sacra nella nostra umana vita

a cercare di dar significato a un universo di Nonsenso 

senza neppure saperne il perché

 

Onde per cui in effetti

   la situazione non è né grave né seria...

 

Semplicemente assurda e surreale!