Benedetto XVI, più che alcun altro nelle Gerarchie Ecclesiastiche, proprio

grazie al suo particolarissimo e, dal punto di vista dell'informazione

interna, "privilegiato" ruolo di Prefetto della Congregazione per la Dottrina

della Fede, ha da sempre saputo e, anzi, contribuito attivamente e

sostanzialmente a nascondere la verità sul mostruoso, già enorme e pur

tuttora crescente scandalo degli abusi sessuali del Clero su minori (e non

solo!).

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Ratzinger

 

                                   

reciti il mea culpa

 

                                   

sulla pedofilia

 

                                   

 

                                   

di Hans Küng

 

                                   

Da La Repubblica - 18 marzo 2010

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Si è detto che dopo aver ricevuto in

udienza l'Arcivescovo Robert Zollisch il

Papa era “profondamente scosso” e

“sconvolto” per i numerosi casi di abusi.

 

Dal canto suo, il Presidente [della

Conferenza Episcopale Tedesca - NdR] ha

chiesto perdono alle vittime, citando

nuovamente le misure già adottate e

quelle previste.

 

 

Ma nessuno dei due ha risposto a una

serie di domande di fondo che non è più

possibile eludere.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Stando ai risultati dell'ultimo sondaggio [TNS - NdR]

EMNID [Meinungs-forschungsinstitute, Istituto di

statistica e sondaggi d'opoinione tedesco - NdR], solo il

10% degli interpellati trova soddisfacente l'opera di

rielaborazione della Chiesa, mentre per l'86% dei

Tedeschi l'atteggiamento degli alti livelli della Gerarchia

Ecclesiastica manca di chiarezza.

 

Le loro critiche troveranno peraltro conferma

nell'insistenza con cui i Vescovi continuano a negare

ogni rapporto tra l'obbligo del celibato e gli abusi

commessi sui minori.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Prima domanda

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Perché il Papa continua, contro la verità

storica, a definire il “santo” celibato un

“dono prezioso”, ignorando il messaggio

biblico che consente espressamente il

matrimonio a tutti i titolari di cariche

ecclesiastiche?

 

                                   

 

                                   

Il celibato non è “santo”, e non è neppure una grazia,

bensì piuttosto una disgrazia, dal momento che esclude

dal sacerdozio un gran numero di ottimi candidati, e ha

indotto molti preti desiderosi di sposarsi a rinunciare

alla loro missione.

 

L'obbligo del celibato non è una verità di fede, ma solo

una norma ecclesiastica che risale all'XI secolo, e

avrebbe dovuto essere sospesa ovunque in seguito alle

obiezioni dei riformatori dal XVI secolo.

 

 

In nome della verità, il Papa avrebbe dovuto quanto

meno promettere un riesame di questa norma, da

tempo auspicato dalla grande maggioranza del clero e

della popolazione.

 

Anche personalità come Alois Glück, presidente del

Comitato Centrale dei Cattolici Tedeschi, o Hans-Jochen

Jaschke, Vescovo Ausiliare di Amburgo, si sono espressi

in favore di un rapporto più sereno con la sessualità e

della possibilità di far coesistere fianco a fianco

sacerdoti celibi e sposati.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Seconda domanda

 

                                   

 

                                   

 

                                   

È possibile che “tutti gli esperti” abbiano

escluso l'esistenza di qualsiasi rapporto

tra la pedofilia e l'obbligo del celibato

sacerdotale, come ha nuovamente

asserito l'Arcivescovo Zollitsch?

 

                                   

 

                                   

Chi mai può conoscere il parere di “tutti gli esperti”!?

 

 

Di fatto si potrebbero citare innumerevoli psicoanalisti

e psicoterapeuti che al contrario hanno sottolineato

questo rapporto: mentre l'obbligo del celibato impone ai

preti di astenersi da qualunque attività sessuale, i loro

impulsi sono però virulenti, col rischio che il tabù e

l'inibizione sessuale li induca a ricercare una qualche

compensazione.

 

In nome della verità, la correlazione tra l'obbligo del

celibato e gli abusi non può essere semplicemente

negata, ma va presa invece in seria considerazione.

 

 

Lo ha ben chiarito ad esempio lo psicoterapeuta

americano Richard Sipe, che a questi studi ha dedicato

un quarto di secolo (cfr. “Knowledge of sexual activity

and abuse within the clerical system of the Roman

Catholic Church”, 2004): la forma di vita del celibato, e

in particolare la socializzazione che la prepara (il più

delle volte nei convitti e successivamente nei seminari)

può favorire tendenze pedofile.

 

Richard Sipe ha individuato un tipo di inibizione dello

sviluppo psicosessuale più frequente nei celibi che nella

media della popolazione; ma spesso la consapevolezza

dei deficit dello sviluppo psicologico e delle tendenze

sessuali si raggiunge solo dopo l'ordinazione al

sacerdozio.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Terza domanda

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Oltre a chiedere perdono alle vittime,

i Vescovi non dovrebbero finalmente

riconoscere anche le proprie

corresponsabilità?

 

                                   

 

                                   

Per decenni, dato il tabù sulla norma del celibato,

hanno occultato gli abusi, limitandosi a disporre il

trasferimento dei responsabili.

 

Tutelare i preti era più importante che proteggere

bambini.

 

 

C'è poi una differenza tra i casi individuali di abusi

commessi nelle scuole, al di fuori della Chiesa Cattolica,

e gli abusi sistemici, spesso reiterati e frequenti,

all'interno stesso della Chiesa Cattolica Romana, in cui

vige tuttora una morale sessuale quanto mai rigida e

repressiva, che culmina nella norma sul celibato.

 

In nome della verità, anziché porre un ultimatum di 24

ore al Ministro Federale della Giustizia, sopravvalutando

peraltro gravemente l'Autorità Ecclesiastica, il

Presidente della Conferenza Episcopale avrebbe dovuto

finalmente dichiarare con chiarezza che d'ora in poi, in

caso di reati di natura penale le Gerarchie della Chiesa

non cercheranno più di eludere l'azione giudiziaria dello

Stato.

 

 

O dovremo aspettare che per ricredersi, la Gerarchia sia

costretta a pagare risarcimenti dell'ordine di milioni di

euro?

 

Negli USA la Chiesa Cattolica ha dovuto versare a questo

titolo, nel 2006, ben 1,3 miliardi di dollari; e in Irlanda,

nel 2009, il Governo ha stabilito con gli Ordini Religiosi

un accordo - rovinoso per questi ultimi - per un fondo

risarcimenti di 2,1 miliardi di euro.

 

Cifre del genere sono assai più eloquenti dei dati

statistici sulle percentuali dei celibi tra gli autori di reati

sessuali, citati nel tentativo di sdrammatizzare il

dibattito.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Quarta domanda

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il Papa Benedetto XVI non dovrebbe

assumersi a sua volta le proprie

responsabilità, anziché lamentarsi di una

campagna che sarebbe in atto contro la

sua persona?

 

                                   

 

                                   

Nessuno finora, in seno alla Chiesa, si è mai trovato

sulla scrivania un così gran numero di denunce di abusi.

 

 

Vorrei ricordare quanto segue.

 

Joseph Ratzinger è stato:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Per otto anni Docente di Teologia a

Regensburg

 

                                   

 

                                   

In stretti rapporti col fratello Georg, Maestro della

Cappella del Duomo (Domkapellmeister), Joseph

Ratzinger era perfettamente al corrente della situazione

dei Domspatzen, i piccoli cantori di Regensburg.

 

E non si tratta qui dei ceffoni, purtroppo all'ordine del

giorno a quei tempi, bensì anche di eventuali reati

sessuali.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Arcivescovo di Monaco per cinque anni

 

                                   

 

                                   

In un periodo durante il quale un prete, trasferito nel

suo Episcopato, perpetrò una serie di ulteriori abusi che

oggi sono venuti alla luce.

 

Anche se Mons. Gerhard Gruber, suo Vicario Generale

(oltre che mio ex collega di studi) si è assunta la piena

responsabilità di questi episodi, la sua lealtà non poteva

bastare a scagionare l'Arcivescovo, responsabile anche

sul piano amministrativo.

 

                                   

                                   

 

                                   

Per 24 anni Prefetto della Congregazione

per la Dottrina della Fede

 

                                   

 

                                   

Nel cui ambito si prendeva atto dei più gravi reati

sessuali commessi dal clero in tutto il mondo, per

traccoglierli e rattarli nel più totale segreto (“Secretum

Pontificium”).

 

Il 18 maggio 2001, con una lettera rivolta a tutti i

Vescovi sul tema delle gravi trasgressioni”, Joseph

Ratzinger aveva confermato per gli abusi il “Segreto

Pontificio”, la cui violazione è punita dalla Chiesa).

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Papa per cinque anni

 

                                   

 

                                   

Non ha cambiato di una virgola questa prassi infausta.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

In nome della verità

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Joseph Ratzinger,

l'uomo che da decenni è

 

il principale responsabile

dell'occultamento di questi abusi

a livello mondiale,

 

avrebbe dovuto pronunciare

a sua volta un “mea culpa”!

 

                                   

 

                                   

Così come lo ha fatto il Vescovo di Limburg, Franz Peter

Tebartz-van Elst, che in un'allocuzione trasmessa per

radio il 14 marzo 2010 si è rivolto a tutti i fedeli in

questi termini:

 

Poiché un'iniquità così atroce non può essere accettata

né occultata, abbiamo bisogno di cambiare strada, di

invertire la rotta per dare spazio alla verità.

 

Per convertirci ed espiare, dobbiamo incominciare col

riconoscere espressamente le colpe, fare atto di

pentimento e manifestarlo, assumerci le responsabilità

e aprire così la strada a un nuovo inizio.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

"Sgomento ... al venire a conoscenza di questi atti peccaminosi e criminali

e del modo con cui le Autorità della Chiesa ... li hanno affrontati"... (!?)

 

Sfacciatamente falsa e scoraggiante come dichiarazione di uno dei in

primissima persona principali responsabili di tutto questo scandalo - non

certo coraggiosa la scelta di scaricare su subordinati le nefande

conseguenze delle proprie decisioni sbagliate!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Reazioni

 

                                   

alla Lettera Pastorale

 

                                   

di Benedetto XVI

 

                                   

 

                                   

a cura di Federico La Sala 

 

                                   

Da ildialogo.org - 21 marzo 2010

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Avete” - non “abbiamo”...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ai sacerdoti e ai religiosi che hanno

abusato dei ragazzi, invece di dire

“abbiamo”, “noi”, “dobbiamo”,

“abbiamo”, Papa Ratzinger scrive:

 

Avete tradito la fiducia riposta in voi da

giovani innocenti e dai loro genitori.

 

Dovete rispondere di ciò davanti a Dio

onnipotente, come pure davanti a

tribunali debitamente costituiti.

 

Avete perso la stima della gente”

 

(Lettera, pf. 7)!

 

 

Una crisi dell'intero ordine sacerdotale e

una “Lettera Pastorale” che prende - con

poco coraggio e molta furbizia (come

“tradizione” comanda) - le distanze da

crimini abnormi e dal lavoro di

insabbiamento istituzionale.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una breve rassegna stampa sulle reazioni:

 

 

Il Papa si sente “tradito”.

 

Ma non si scusa per le violenze.

 

 

Le Gerarchie Ecclesiastiche approvano, ma le

associazioni delle vittime chiedono anche una condanna

dell'insabbiamento.

 

In Germania, nuove accuse a Ratzinger e Zollitsch.

 

 

Abusi anche in Italia.

 

Per i preti pedofili saremmo secondi solo al Belgio e

all’Irlanda...

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

“Il Papa si sente ‘tradito’.

 

                                   

 

                                   

Ma non si scusa

 

                                   

per le violenze”

 

                                   

 

                                   

di Roberto Monteforte 

 

                                   

Da L’Unità - 21 marzo 2010

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Presentata ieri la “Lettera Pastorale” di

Benedetto XVI alle vittime dei preti

pedofili in Irlanda, ai colpevoli e ai loro

Vescovi.

 

Conferma “tolleranza zero” e piena

collaborazione della Chiesa con la

Magistratura.

 

 

La Lettera: I colpevoli rispondano a Dio e

ai tribunali.

 

Padre Lombardi: Gesto inusuale

 

 

Benedetto XVI incontrerà le vittime:

“Nulla cancellerà il vostro dolore” 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Non posso che condividere lo sgomento

te il senso di radimento che molti di voi

hanno sperimentato al venire a

conoscenza di questi atti peccaminosi e

criminali e del modo con cui le autorità

della Chiesa in Irlanda li hanno

affrontati.”

 

                                   

 

                                   

È con questa presa di posizione, netta e senza equivoci,

che Papa Benedetto XVI si rivolge alle vittime di abusi

sessuali da parte del clero nella sua “Lettera Apostolica”

indirizzata a tutti i Cattolici del Paese cattolico, in primo

luogo alle vittime e alle loro famiglie, ma anche ai

sacerdoti colpevoli, ai Vescovi, ai giovani, al clero

“incolpevole”.

 

L’atteso documento è stato ieri presentato dal Direttore

della Sala Stampa, Padre Federico Lombardi.

 

 

È una lettera indirizzata all’Irlanda, che tiene conto

delle specificità di quella situazione, che è solo “un

primo passo” di un cammino non semplice di assunzione

di responsabilità e di recupero di credibilità di quella

Chiesa e di quell’Episcopato, ma che per alcune

indicazioni può avere anche un valore più generale.

 

Soprattutto per l’invito rivolto ai colpevoli.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Collaborare con la giustizia

 

                                   

 

                                   

Chi ha sbagliato deve pagare.

 

I preti e religiosi colpevoli di abusi sessuali verso

giovani devono rispondere dei loro peccati e dei loro

crimini, non solo davanti a Dio, ma anche davanti ai

“tribunali debitamente costituiti”.

 

 

Per loro Ratzinger ha parole durissime.

 

Avete perso la stima della gente d’Irlanda e rovesciato

vergogna e disonore sui vostri confratelli.

 

Avete violato la santità del Sacerdozio creando grave

danno alla Chiesa” scrive, invitandoli ad assumersi la

responsabilità dei peccati commessi.

 

 

Chiede “pentimento sincero” e di render conto delle

proprie azioni “senza nascondere nulla”.

 

Riconoscete apertamente la vostra colpa

sottomettendovi alle esigenze della giustizia, ma non

disperate della misericordia di Dio” è il suo invito.

 

 

Non un “mea culpa”, ma sicuramente un’esplicita

assunzione di responsabilità anche per quei Vescovi e

quei “Superiori” che non hanno vigilato abbastanza, che

hanno sottovaluto e coperto i responsabili.

 

“Alcuni di voi e dei vostri precedessori - afferma

rivolgendosi all’episcopato irlandese - avete mancato, a

volte gravemente, nell’applicare le norme del diritto

canonico circa i crimini di abusi di ragazzi.”

 

                                   

 

                                   

“Seri errori - aggiunge - furono commessi

nel trattare le accuse”.

 

Vi sono state “mancanze di governo” che

hanno seriamente minato la credibilità ed

efficacia dell’azione della Chiesa.

 

                                   

 

                                   

Nella Lettera non si parla di dimissioni da accogliere.

 

Ai Vescovi il Papa chiede però di “mettere pienamente

in atto le norme del diritto canonico” e soprattutto di

“cooperare con le Autorità civili”.

 

 

Non vi possono più essere incertezze.

 

 

Invita a seguire “un approccio chiaro e coerente”

nell’applicare le norme stabilite a tutela dei ragazzi.

 

Vi saranno “visite apostoliche” nelle Diocesi per fare

chiarezza sulle situazioni specifiche.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il buon nome della Chiesa

 

                                   

 

                                   

Come rimediare?

 

Il Papa indica dove intervenire e non solo per la Chiesa

d’Irlanda.

 

 

Oltre alle “procedure inadeguate” nella selezione dei

sacerdoti e alla “insufficiente formazione umana,

morale, intellettuale e spirituale nei seminari” aggiunge

la “tendenza a favorire il clero e altre figure in autorità”

e “una preoccupazione fuori luogo per il buon nome

della Chiesa e per evitare scandali” che hanno portato

alla “mancata applicazione delle pene canoniche in

vigore e mancata tutela della dignità della persona”.

 

L’effetto è stato che le conseguenze negative per la

Chiesa sono state superiori a secoli di persecuzioni.

 

 

Con la sua lettera personale, “gesto inusuale” come ha

sottolineato padre Lombardi, il Papa intende

“contribuire a riparare, risanare, rinnovare” ha espresso

la sua vicinanza personale alle vittime che è pronto ad

incontrare, ad incontrare e ascoltare così come è

avvenuto in America, in Australia e anche a Roma.

 

Qualcuno resterà deluso.

 

 

Anche perché restano in ombra le responsabilità antiche

e recenti della Santa Sede.

 

Tutto pare scaricarsi su preti e Vescovi.

 

                                   

 

                                   

Padre Lombardi ha sottolineato “la

coerenza e la chiarezza nell’azione” di

Papa Ratzinger anche quando era Prefetto

della Congregazione per la Dottrina della

Fede nel “contrastare atteggiamenti di

copertura o nascondimento”.

 

[?!? Una bella facciatosta, come vedremo

più avanti... - NdR]

 

                                   

 

                                   

La “Lettera”, ha chiarito, è un documento pastorale e

dunque non si sofferma su provvedimenti amministrativi

e giuridici riguardanti eventuali dimissioni di presuli

irlandesi.

 

 

Sono decisioni che spettano al Papa.

 

C’è chi assicura che arriveranno a breve.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

“Abusi anche in Italia,

 

                                   

li racconta

 

                                   

  ‘Il peccato nascosto’”

 

                                   

 

                                   

di R. M.

[Roberto Monteforte - NdR] 

 

                                   

Da L’Unità - 21 marzo 2010

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Per i preti pedofili saremmo secondi solo

al Belgio e all’Irlanda.

 

 

Omertà e sottovalutazione hanno

nascosto l’ampiezza della pedofilia in

canonica anche nel nostro Paese.

 

I casi eclatanti e la denuncia

dell’Avvocato Marazzita.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una pubblicazione tempestiva e utile “Il peccato

nascosto” (casa editrice Nutrimenti, pagg. 178).

 

Soprattutto per il grande pubblico che vuole capire

qualcosa in più sullo scandalo dei preti pedofili e

soprattutto sui “silenzi della Chiesa”, quelli sui quali ieri

Benedetto XVI ha avuto parole di inequivocabile

condanna.

 

 

L’autore ha voluto restare anonimo.

 

Il libro è stato curato dal giornalista Luigi Irdi.

 

 

Si parte da ampi stralci dei documenti della

commissione d’inchiesta sui casi irlandesi, per poi

fornire un quadro delle “storie italiane dimenticate da

giornali e TG”.

 

Storie aberranti e drammatiche di pedofilia consumate

nelle canoniche.

 

 

Tutto parte dal dicembre del 2009 quando la

Commissione Murphy ha reso pubblico il suo rapporto

d’indagine sugli abusi sessuali commessi dai preti della

Chiesa irlandese nei confronti di minori.

 

Sono stati presi in esame, nella sola Diocesi di Dublino,

i casi di 46 sacerdoti che, dal 1975 al 2004, hanno fatto

320 vittime.

 

 

Le conclusioni che gli inquirenti irlandesi traggono sono

chiarissime.

 

Per molti anni l’unica preoccupazione delle Gerarchie

Ecclesiastiche chiamate a misurarsi con questo

problema è stata quella di tutelare, ben prima delle

vittime degli abusi, il buon nome della Chiesa, la sua

reputazione.

 

                                   

 

                                   

Il nodo sarebbe il documento “De delictis

gravioribus”, un aggiornamento del

“Crimen sollicitationis” (1962) con le

nuove istruzioni rivolte ai preti sui casi di

pedofilia nel 2001 dallo stesso Joseph

Ratzinger allora Prefetto della

Congregazione per la Dottrina della Fede.

 

                                   

 

                                   

Per gli autori il documento forniva un’indicazione molto

chiara: “Le cause di questo genere sono soggette al

Segreto Pontificio”.

 

 

Un’interpretazione sbagliata?

 

Forse, ma ha giustificato una scarsa collaborazione della

Chiesa con la Magistratura - anche in Italia.

 

 

Secondo l’Avvocato Nino Marazzita, Presidente

dell’Associazione Antipedofilia “La Caramella buona”,

che ha collaborato alla realizzazione del libro, in Europa

per gli abusi di preti pedofili saremmo secondi solo al

Belgio e all’Irlanda.

 

L’avvocato denuncia il clima di omertà, la logica di

insabbiamento, ma sarebbero decine i casi affrontati

nelle aule di giustizia.

 

 

Per rompere questo clima “Il peccato nascosto” dà

conto di alcuni, emblematici.

 

Racconta della piccola Alice (nome di fantasia) e di Don

Giorgio Carli, a Bolzano, ricorda il caso di Don Piero

Gelmini, il “prete antidroga” ed i casi di abuso

denunciati all’Istituto Valsalice dei Salesiani a Torino, di

Don Mauro Stefanoni a Como e di Don Ruggero Conti a

Roma.

 

 

Lo fa senza compiacimento.

 

Sottolineando, però, quanto le coperture della Gerarchia

abbiano nuociuto alla verità e alla credibilità della

stessa Chiesa.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

“Io, bimbo violentato,

 

                                   

arrivai a odiare me stesso”

 

                                   

 

                                   

di Colm O’Gorman

 

                                   

Da L’Unità - 21 marzo 2010

 

                                   

 

                                   

 

                                   

In prima pagina sull’Independent il

racconto di una vittima:

 

“Il Papa si assuma la responsabilità di

insabbiamenti e connivenze”.

 

E parli a chi ha perso la fede.