La nostra evoluzione

 

                                   

fisica e sociale

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'essere umano

 

                                   

“primitivo”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il Socialismo Scientifico considera l’organizzazione

sociale degli umani primordiali come il “comunismo

primitivo”, cioè originario e spontaneo, di una società

tribale senza ancora divisioni di classe.

 

La visione “borghese” della storia associa invece

“primitivo” a “ingenuo ed istintivo”, come

“contrapposto ad evoluto e consapevole”, una tesi che

vorrebbe vedere i primi umani impauriti dalla natura e

limitati dalla “tribù”.

 

 

Quindi, secondo la tesi “borghese”, a causa della

propria paura di fronte ai pericoli nell’ambiente, i primi

umani sarebbero inevitabilmente destinati ad una

qualche forma di “religiosità” e, a causa delle

limitazioni loro socialmente imposte, anche fortemente

spinti dall’ineludibile bisogno di uscire da quegli schemi

sociali.

 

L’ideologia “borghese” guarda infatti al “comunismo

primitivo della Pre-istoria” con disprezzo, lo considera

una “forma di aggregazione sociale rozza”, cui

volentieri contrappone le “evolute Civiltà capaci di

generare la Storia”, con scrittura ed urbanizzazione,

commerci e denaro, ricchezze e potere politico, potenza

militare e conquiste territoriali.

 

 

Tutto ciò senza neppure cercare di analizzare questo

così drastico passaggio, come se non sia risultato di

un’evoluzione, ma nasca “miracolosamente” dal nulla.

 

Purtroppo questo superficiale ed obiettivamente

ingiusto svilimento delle origini dell’umanità e del

nostro vissuto remoto condiziona indubbiamente anche

il modo di vedere il presente e, soprattutto, di concepire

il futuro.

 

                                   

 

                                   

Continua a farlo

ancora oggi!

 

                                   

                                   

 

                                   

Il naturale

 

                                   

processo evolutivo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Qui di seguito le reali “proporzioni” del naturale

processo evolutivo lungo la linea del tempo:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

- 20-15 miliardi di anni fa

20.000.000.000-15.000.000.000 di anni fa

la nascita del nostro Universo

 

- 10 miliardi di anni fa

10.000.000.000 di anni fa

la formazione della nostra Galassia, la Via Lattea

 

- 5 miliardi di anni fa

5.000.000.000 di anni fa

il nostro Sistema Solare

 

- 4,6-4,5 miliardi di anni fa

4.600.000.000-4.500.000.000 di anni fa

la Terra e l’inizio delle sue Ere Geologiche

 

- 4 miliardi di anni fa

4.000.000.000 di anni fa

i primordiali Batteri e le Alghe

 

 

- 570 milioni di anni fa

570.000.000 di anni fa

la comparsa dei primi Invertebrati

 

- 400 milioni di anni fa

400.000.000 di anni fa

la comparsa dei primi Pesci

 

- 300 milioni di anni fa

300.000.000 di anni fa

la comparsa dei primi Anfibi

 

- 250 milioni di anni fa

250.000.000 di anni fa

la comparsa dei primi Rettili

 

- 100 milioni di anni fa

100.000.000 di anni fa

la comparsa dei primi Uccelli

 

- 70 milioni di anni fa

70.000.000 di anni fa

la comparsa dei primi Mammiferi

 

 

- 5 milioni di anni fa

5.000.000 di anni fa

la comparsa dei primi Ominidi, da cui l’evoluzione

di noi “Umani”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

L'essere umano

come prodotto di sintesi

 

                                   

 

                                   

Noi umani siamo dunque ultimi ad evolverci nella linea

del tempo, prodotto di sintesi ed unici esseri capaci di

acquisire coscienza e conservare conoscenza dell’intero

Universo.

 

L’Universo segue infatti il principio di evoluzione,

secondo cui da cose semplici se ne sviluppano di più

complesse, in un processo senza fine in cui tutto è in

continua trasformazione, lungo un percorso anche a

ritroso per cui dalla raggiunta complessità si torna al

semplice.

 

 

Quello che l’Umano cerca da sempre di capire è quindi

come tutto si formi e si trasformi, secondo quali

principi possano coesistere il reale, il necessario e il

possibile a regolare tutti i processi sia naturali che

sociali, ma soprattutto quale sia il senso della nostra

“libertà”, da vivere in armonia con la nostra “umanità”

nel contesto del nostro “ambiente”, tutto ciò che ci

circonda, avvolge, comprende - noi stessi parte di esso.

 

La meravigliosa esperienza della libertà dell’Umano

raggiunge così dimensioni che vanno oltre i limiti della

vita del Pianeta, perché appartiene a tutto l'Universo, le

cui leggi oggettive sono in esso ovunque valide.

 

 

La brutta notizia però è che proprio la sua libertà di

coscienza permetta all’Umano anche di trasgredire a

queste leggi universali, fino a distruggere l'ambiente

naturale e, con il suo habitat, anche sé stesso.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

Non Chi "crediamo" di essere

ma Chi "siamo"!

 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

In ultima analisi, distruggendo la propria libertà sulla

Terra l’Umano può distruggerla nell’intero Universo, per

cui l’unico modo per salvaguardare la propria “identità”

umana, senza limitare la sua libertà, è che impari a

viverla in armonia con il Tutto, “parte” del Tutto e non

suo arrogato “padrone e signore”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dall'Australopiteco

 

                                   

all'Homo Sapiens

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'Australopiteco

 

                                   

 

                                   

Tra 5 e 4 milioni anni fa l’Australopithecus, mammifero 

“ominide” dell’Emisfero Australe, vive in Africa nella

foresta, e poi anche nella prateria, attivo di notte sugli

alberi:

 

- il suo cervello ha un volume di soli 450-520 centimetri

cubici

 

- mantiene un postura  sia mono-  che bi-podalica

abbastanza eretta

 

- vive nutrendosi di tuberi, frutti e piante che raccoglie

 

- ma anche di insetti e di carcasse di animali morti

 

- divide il cibo equamente con gli altri membri del

gruppo

 

- sa già utilizzare quali arnesi bastoni, ossa e ciottoli

 

- è spinto sessualmente da attrazione istintiva  

 

- e si accoppia promiscuamente

 

- con il maschio a difesa del territorio.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'Homo

“Habilis”

 

                                   

 

                                   

Tra i 4 e i 3 milioni anni fa l’Homo Habilis, altro

“ominide”, sempre in Africa, popola la savana e la

foresta:

 

- il suo cervello è aumentato a 630 centimetri cubici

 

- il suo pollice è diventato opponibile, rendendolo

particolarmente specializzato nell’afferrare gli oggetti

 

- arrivando a costruirsi gli strumenti litici di cui

abbisogna per tranciare e tagliare, scegliendo la pietra

più idonea e scheggiandola con abilità e pazienza colpo

dopo colpo per renderla acuminata e tagliente

 

- ma impara anche ad usare altri arnesi, come dei

bastoni per scavare

 

- socializza creando nel gruppo una eguaglianza tra i

sessi, anche se dà inizio ad una vita sessuale di coppia

in nuclei familiari ben definiti ed organizzati

 

- forma raggruppenti funzionali

 

- e sviluppa un primo quasi “linguaggio” parlato per

rendere più coordinata ed efficace la caccia di piccoli

animali

 

- che poi scuoia usandone pelle e pelliccia

 

- e per meglio difendere insieme il territorio, acquista il

senso dell'orientamento

 

- ed impara a calcolare le distanze

 

- sviluppa memoria

 

- evolve il linguaggio

 

- e sviluppa un senso “estetico” con chiara

predisposizione alla simmetria.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'Homo

“Erectus”

 

                                   

 

                                   

Tra 1 milione e 800 mila e 250 mila anni fa l’Homo

Erectus o Homo Ergaster costruisce già i propri campi-

base ai margini di foreste e savane e non più solo in

Africa (Ergaster Atlanthropus, Algeria), ma migrando

successivamente anche fino in Asia (Ergaster

Sinanthropus, Cina), in Indonesia (Ergaster

Pithecanthropus, Giava) e in Europa:

 

- il suo volume cerebrale raggiunge ora dai 900 ai 1.110

centimetri cubici

 

- un individuo bipede dal fisico ben sviluppato

 

- che abita in insediamenti progettati e costruiti con

materiali robusti, come piccole capanne munite di

muretti protettivi di legno e uno spazio riservato al

focolare

 

- dato che imparano non solo ad usare, ma anche poi a

conservare il fuoco

 

- usando un nuovo strumento litico del tutto innovativo,

l'“amigdala” o “bifacciale”, dalla caratteristica forma a

mandorla ovale-triangolare, tagliente su due lati e

appuntito ad una estremità, adatto come ascia da

pugno (non da lancio!), un utensile multiuso per

macellare animali, spezzare ossa e tendini, tagliare e

lavorare pelle e legno

 

- per la prima volta costruisce utensili secondari in osso

 

- decorandoli con incisioni astratte e simboliche

 

- ora sa dare la caccia a qualsiasi preda animale

 

- e lo fa da nomade, ben equipaggiato e seguendo le

migrazioni stagionali della selvaggina, ma con una

“tendenza a spostarsi sempre oltre” - ad ogni

generazione di ulteriori circa 50 chilometri

 

- organizzando la vita sociale del gruppo in sottogruppi,

di caccia i maschi e le femmine (impossibilitate a

muoversi rapidamente ed agilmente quando incinte) di

raccolta stagionale di frutti, foglie, radici e funghi

 

- con una “vita privata” basata su vincoli di coppia

 

- cominciando anche a sviluppare interesse per certe

pratiche sociali cerimoniali, prime fra tutte quelle

funerarie con i corpi dei defunti in “postura rituale o

simbolica”

 

- fisiologicamente così forte da sopravvivere non solo

una prima, ma anche una seconda e addirittura terza

glaciazione.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'Homo

“Neanderthalensis”

 

                                   

 

                                   

Tra 250 e 40 mila anni fa l’Homo Neanderthalensis o

Neanderthal - dai resti scoperti nel 1856 in una grotta a

Feldhofer, nella Valle di “Neander”, attuale Germania -

appare sia in Africa che in in quasi tutta un’Europa

ghiacciata:

 

- il suo cervello è ancora più sviluppato, fino a 1.300-

1.600 centimetri cubici

 

- di costituzione robusta

 

- fabbrica attrezzi complessi, aggiungendo per la prima

volta un manico agli strumenti di pietra

 

- si copre e protegge con pelli di animale

 

- costruisce ripari

 

- abita caverne in cui è costretto a “convivere” con i

morti

 

- gli riserva per questo un separato spazio “sacro” dove

li seppellisce in apposite fosse composti in posizione

fetale, con gli arti inferiori flessi e le braccia incrociate

in grembo, insieme ad offerte di cibo, strumenti vari,

ghirlande di fiori, l’inizio di “una religiosità che nasce

dalla paura”, anzi vero terrore, che gli fa collocare sul

capo dei morti pesantissime pietre ad impedirgli di

rialzarsi e “tornare” fra i vivi

 

- caccia in gruppi ben coordinati i grandi animali

dell'epoca, come i mammuth, le renne, i cervi, i cavalli

e gli orsi

 

- addomestica il lupo

 

- cuoce ormai qualunque cibo

 

- conduce una vita familiare di coppia

 

- all’interno di gruppi di 30-40 persone

 

- parla ma lentamente

 

- impara a dipingere sagome di selvaggina “da tiro a

segno” per migliorare la propria mira, così cruciale per

la sopravvivenza durante le battute di caccia

 

- lavora pelli di cui si veste unendole con fermagli

d'osso

 

- subisce la Quarta Glaciazione

 

- “misteriosamente” scompare.

 

 

Vissuto a lungo in Europa il Neanderthal vi si estingue

infatti quasi totalmente “appena prima” (creduto finora,

ma in effetti “dopo”) che il Sapiens la raggiunga e vi si

insedi, ad eccezione di sparuti gruppi di sopravvissuti

per altri circa 10 mila anni nell’Ovest.

 

 

Lultima teoria suppone che la specie si dimostri

semplicemente meno resistente al freddo, una

sensibilità e vulnerabilità fatale dati i notevoli

cambiamenti climatici ancora in corso verso la fine

dell’ultima glaciazione, cruciale particolare genetico

solo di recente svelato dall'analisi del loro recuperato

DNA.

 

Un’altra teoria - oggi più che confermata -

sconvolgerebbe addirittura la finora esclusa

“contaminazione genetica” fra Neanderthal e Sapiens,

dando per certo che tra le due specie sia al contrario

dimostrabile un'ibridazione, solo perché parte

del materiale genetico della prima corrisponde a quello

della seconda: work in progress...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'Homo

“Sapiens”

 

                                   

 

                                   

Tra 100 e 36 mila anni fa l’Homo Sapiens, quello

Sapiens Sapiens, tra cui il Cro-Magnon - i cui primi resti

si scoprono presso Les Eyzies-de-Tayac-Sireuil in

Dordogna, Francia - si impone in Africa e dall’Africa

emigra popolando in pratica l’intero Pianeta:

 

- un cervello che si stabilizza ormai intorno ad un

volume medio di 1.500 centimetri cubici , con

variazioni tra 1.000 e 2.000

 

- lavora sapientemente legno, ossa e avorio

 

- produce ami da pesca

 

- addirittura aghi per cucire in osso o avorio

 

- costruisce lampade

 

- cuce e sigilla otri di cuoio per l’acqua

 

- inventa il trapano ad archetto

 

- conosce la tecnica dell’incastro applicandola ad arnesi

ed armi con impugnatura di legno e lama di pietra

 

- confeziona abiti

 

- realizza ornamenti estetici

 

- inventa l’arco per la caccia

 

- usa il bulino, una lama di selce a forma di scalpello per

spaccare ossa, corna, rami e tronchi

 

- sa accendere il fuoco

 

- adopera il fuoco per cuocere non solo cibo ma anche

materiali

 

- si costruisce ripari di vario genere

 

- vive in villaggi organizzati

 

- sviluppa ulteriormente un vero e proprio “culto dei

morti”, con ricchi corredi funebri nelle sepolture

 

- sviluppa altresì il “culto della stirpe”, concatenando

attraverso una memoria collettiva le generazioni

 

- il suo linguaggio raggiunge più alti livelli di

complessità

 

- crea e sviluppa “forme culturali di canto, danza,

musica e pittura”, incidendo e dipingendo su pietra

fino a monumentali ed avanzati gruppi di figure anche

simboliche, tra cui sempre più spesso il negativo della

mano spruzzata con materie coloranti

 

- tali rappresentazioni introducono espressioni di

“nuovi concetti socialmente basilari”, come “identità”

ed “appartenenza”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Commenti personali

 

                                   

alle teorie sull'evoluzione

 

                                   

dell'Umano

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Primo commento

al “culto dei morti”

 

Dagli affetti all'anima

voli pindarici

 

                                   

 

                                   

Molti sostengono che il “culto sviluppato dagli umani

per i loro morti a partire dai Neanderthal sia segno del

nascere di una coscienza, anzi di più, l’esternarzione di

un “senso religioso” (ovviamente ed inevitabilmente in

senso moderno!) “insito” nell'essere umano, dove cibo,

arnesi ed armi ritrovati nelle sepolture dimostrerebbero

ipso facto il necessario credere in “un’anima, la quale

sopravviva alla morte del corpo”...

 

Quello che resta “alla morte di una persona” è piuttosto

il “legame affettivo” sviluppato in vita con quel

particolare individuo, ma tutto questo non ha proprio

nulla, assolutamente nulla a che vedere con il concetto

di “religiosità” come da noi oggi abbracciato, cioè il

credere in una “divinità”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il naturale rispetto

per la “sacralità della natura”

 

                                   

 

                                   

Il monopolio sul concetto di “religione”, di cui le varie

Chiese si arrogheranno il diritto di interpretazione, fa

della religione praticata qualcosa che presupponga “una

fede in una cosiddetta trascendenza divina”.

 

Così, riducendo volutamente quanto erroneamente la

“religiosità” dell'umano primitivo alla prima

manifestazione di una “fede” altrettanto primitiva, si

vorrebbe strumentalmente affermare, a fini del tutto

apologetico-teologici, che il suo sia un “credo primitivo”

(sempre nella nostra moderna accezione del termine!)

quasi “innato” e al suo sbocciare, nel senso (ancora

secondo la nostra visione moderna e borghese) di “non

ancora sufficientemente sviluppato” e, quindi, grezzo o

superficiale.

 

 

Le tracce di questi iniziali “riti e culti” ad opera delle

prime comunità umane, in cui molti vorrebbero a loro

volta leggere presunte manifestazioni di una fede

religiosa, sono piuttosto semplice espressione di una

attitudine fondamentale ed oggi da noi tragicamente

persa, ma che mostra con unica evidenza un

comportamento di naturale rispetto per la “sacralità”

della e nella natura, della quale l'essere umano si vede

istintivamente e sente profondamente parte.

 

Di sicuro però non associabili a quei riti e culti dei

credenti in un dio, cui la nostra mente moderna fa

riferimento culturale, i quali - all'esatto contrario - sono,

rappresentano e rimangono invece frutto di una vera e

propria “alienazione” dalla sacralità della e nella natura,

come se quella non bastasse.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

Secondo commento

alle nostre “ipotetiche origini”

 

Non sappiamo

da “dove” veniamo

 

                                   

 

                                   

L'Homo Sapiens si dimostra essere così diverso da tutti

gli altri animali da rendere improbabile una semplice

evoluzione di specie, anche perché molto probabilmente

sembra aver avuto solo sporadici contatti con l’altra più

prossima, improvvisamente quanto misteriosamente

scomparsa - la Neanderthal [Aggiornamento: oggi la

scienza ha documentatamente provato tale ibridazione

e ciascuno di noi conserva un 3% di quel DNA!] .

 

In effetti dobbiamo umilmente riconoscere come ad

oggi non sappiamo da dove veniamo e che tutte le

teorie risultino più o meno viziatamente ideologicizzate,

da una parte quelle “creazioniste”, mitologiche e quindi

indiscutibilmente senza alcun valore scientifico, perché

basate sull’indimostrabile concetto di “dio”, dall'altra

quelle “evoluzioniste”, razionali e di certo scientifiche,

ma ancora purtroppo con forti tendenze più che a

scoprire e capire, a piuttosto dimostrare per smentire

quasi con ogni mezzo quelle creazioniste.

 

 

Quando poi ci lasciamo andare oltre e parliamo

volentieri, confusamente e contraddittoriamente

di “intelligenza”, quando ad esempio si usino

rudimentali strumenti per costruirne altri più avanzati,

di “religiosità”, quando si seppelliscano dei morti, e

di “sensibilità”, quando gli si corredi la tomba con

oggetti appartenutigli in vita - ma per cortesia...

 

Tutte queste sono null'altro che azzardate e gratuite

interpretazioni, letture purtroppo inevitabilmente e

profondamente viziate ed alienate dal nostro moderno

modo di vedere le cose, e oggi, a riprova dell'incapacità

di spogliarci delle strutture mentali inculcateci e

stratificatesici dentro per poter almeno “tentare di

entrare in universi altri”!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

I nostri geni

 

                                   

 

                                   

Nonostante il 97% dei nostri geni siano compatibili con

quelli delle scimmie, non possiamo essere affatto sicuri

di provenirne, anche perché nessuna altra specie

vivente è riuscita nei medesimi milioni di anni a fare

progressi tanto radicali attraverso altrettanto incredibili

salti di qualità.

 

Nel pur ammissibile, lento e complesso ipotetico

processo evolutivo di “ominazione”, al momento

risultano infatti troppi gli anelli mancanti, non

permettendoci di determinare quando inizi né di

datarne le fasi, a quando cioè risalgano i primi individui

identici a noi ed in effetti se siano prodotto di fattori

interni o addirittura esterni al Pianeta, costretti ad ogni

nuova scoperta a continuamente aggiornare, modificare

o cambiare radicalmente le nostre teorie, le quali

restano tutte comunque ancora vaghe e approssimative.

 

 

Il non dimostrabile è “di fatto irrilevante per la nostra

esistenza, cioè non la cambia se non di fantasia, una

forma di agnosticismo questa - di non-sapere o

sospensione di giudizio - insita nell'istintivo sentire che

non ci limita a “Figli della Terra, ma ci spalanca

l'orizzonte aFigli dell'Universo”.

 

In questa prospettiva è senz'altro riduttivo considerare

la Terra il nostro habitat scontato, quanto piuttosto

l'intero Universo, in un perenne processo di

trasformazione secondo leggi di cui ad oggi appena

intuiamo la natura attraverso le sue espressioni

meravigliosamente “reali, anche se per noi al

momento (!) ancora “inimmaginabili.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Le “razze” umane

 

                                   

 

                                   

Anche le differenze di carattere fisico percepibili tra le

cosiddette “razze umane, le più evidenti fra cosiddetti

“neri”, che proprio neri non sono, e “bianchi”, che

bianchi non sono affatto - cioè muscoli, denti, voce,

agilità, resistenza - potrebbero essere risultato tanto di

progressione quanto altrettanto di recessione evolutiva.

 

 

Probabile è che all’origine il colore della pelle sia

semplicemente “indefinito” e vada specializzandosi, per

automatico e selettivo adattamento, alle necessità

dettate dall'ambiente...

 

In altre parole, se evoluzione c'è riguarda solo aspetti

fisico-anatomici e fisiologici, che richiedono tempi molto

più brevi, e a favorire riproduzione e diffusione del

Sapiens Sapiens è la scomparsa del Neanderthal, più

che eventuali eccellenze proprie.

 

 

La “nascita del genere umano come lo conosciamo noi

oggi può dunque derivare da un unico punto di partenza

- molto probabilmente in Africa o forse no - ma la sua

evoluzione seguirà più linee diramate, da ciascuna delle

quali gli elementi genetici comuni andranno a

differenziarsi secondo gli ambienti incontrati.

 

Uomini dai tratti indifferenziati in una zona

climaticamente mite della primordiale Pangea, nel loro

nomadismo mutano diversificandosi in conseguenza

dell'ambiente, niente più niente meno - lasciamo quindi

che il pensiero corrotto dietro qualsivoglia idea

“preconcetta” o, ancor peggio, quello putrido, capace

addirittura di formulare “ideologie” valoriali di

discriminazione razziale, scientificamente infondate,

socialmente tossiche e divisive, continuino a nutrirsi dei

propri escrementi mentali e... “grazie-a-dio per la carta

igienica”!

 

 

La genetica delle popolazioni, tra altre scienze, dimostra

come la variabilità “fenotipica”, cioè dell'insieme delle

caratteristiche “osservabili”, della specie umana Homo

Sapiens - genere Homo, famiglia Hominidae, ordine

Primati - dipenda proprio dalla continuità di una

variazione “clinale” o “geografica”, cioè di prolungata

permanenza nell'ambiente di una specifica area sul

Pianeta.

 

Tra questo fatto e l'arroganza di poterci costruire sopra

una sorta di “gerarchia” tra gruppi umani razzialmente

definiti, uno “superiore” o “inferiore” all'altro, perché

“biologicamente distinguibili o distinti”, vuoi per

capacità intellettiva, psicologica, valoriale,

comportamentale, etica o morale... abissi incolmabili.

 

 

Il razzismo altro non è che fenomeno recente e attuale,

espressione però di una antica tendenza socio-politica

generale a “giustificare” o addirittura “legittimizzare”

una discriminazione - sfruttamento, oppressione,

persecuzione o tentativo di annullamento (genocidio)

dei “diversi” (da “noi”) - singoli, gruppi, nazioni, culture

o classi sociali che siano.

 

Si raccomanda caldamente la (ri)lettura della

“Dichiarazione sulla razza” - Statement on the Nature

of Race and Race Differences dell'UNESCO del 1950, poi

rivisitata nel 1951 (qui consultabile e scaricabile in

Inglese, Francese e Spagnolo)!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Non sappiamo neppure “come”

né, soprattutto, “perché”

 

                                   

 

                                   

In definitiva, formatici per processi non

necessariamente o soltanto evolutivi da altre specie,

non sappiamo comunque né “come” “perché” ci

troviamo proprio qui, su questo Pianeta, non

sappiamo neppure come lo stesso Pianeta Terra si sia

formato, per evoluzione o involuzione, pezzo di stella

staccatosi dal Sole, poi raffreddatosi fino alla quasi

totale solidificazione della crosta terrestre.

 

Come il nostro Sole si è dimostrato “fecondo”, così tutte

o almeno molte delle altre stelle potrebbero, dovrebbero

esserlo o esserlo state, così altri “esseri umani”, da noi

spesso e volentieri chiamati “alieni” (potremmo esserlo

noi, per quel che possiamo unilateralmente arrogarci di

definere “umano”), non sono da escludere ovunque sia

nell’Universo, anzi, a dirla tutta, dato che fra Uomo e

Universo non esiste qualsivoglia differenza sostanziale

- noi stessi...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Altro non siamo che

 

                                   

polvere di stelle!