“La Torre di Chia

 

                                   

 Il rifugio di Pasolini”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La “Torre di Chia”  o Castello di Colle Casale, nel territorio di Soriano nel

Cimino vicino a Bomarzo, Viterbo, Tuscia Romana, ultimo rifugio di Pasolini

e suo luogo dell'anima: del 1200, già degli Orsini, dei Lante della Rovere e

dei Borghese, in classica ubicazione etrusca, su un altipiano circondato da

forre scavate profonde nei secoli da torrenti che nel Medioevo azionavano

le macine dei mulini, e poi orti e pascoli tutt'attorno, oggi luogo isolato e

selvatico, ricco di storia e di fascino, di cui Pasolini subito si innamora nel

1964 e poi riesce finalmente ad acquistare nel 1970

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

   

I luoghi di Pasolini

   

 

                                   

 

                                   

 

 

Un patrimonio

   

 

                                   

 

 

da difendere

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

di Angela Molteni

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Nei pressi di Viterbo, mentre gira le prime

sequenze del Vangelo secondo Matteo,

Pasolini visita un fortilizio medioevale

abbandonato.

 

Se ne innamora.

 

 

È la primavera del 1963.

 

Nel 1966 scrive che vorrebbe andare a

vivere dentro quella Torre che non può

comprare, “nel paesaggio più bello del

mondo, dove l'Ariosto sarebbe impazzito di

gioia nel vedersi ricreato con tanta

innocenza di querce, colli, acque e botri”.

 

 

Al poeta sembra che in quel luogo incantato

la natura abbia giocato a fare il verso

all'arte, illusa innocenza d'un cosmo perfetto

e gioioso.

 

È Torre di Chia.

 

Superata Bassano in Teverina e prima del

bivio per Bomarzo con il suo antico bosco

popolato da mostri di pietra, ecco un puntino

e una scritta minuscola ad indicare il borgo

ormai semiabbandonato.

 

 

Un borgo, così malinconicamente

affascinante, in cui le case restaurate stanno

fianco a fianco con i ruderi carichi di secoli,

nelle cui fondamenta sono evidenti tracce

etrusche.

 

Su diverse porte scardinate, sui mattoni, sul

legno modellato dal tempo, la mano gentile

di un abitante del borgo ha scritto, con grafia

regolare e senza lasciare firma, poesie, testi

di canzoni, frasi in libertà.

 

 

Aggirandosi in questo Parnaso silenzioso,

dove anche i muri sanno farsi leggere, ci si

ritroverà necessariamente nella parte alta

del colle, tra i ruderi del Castello con di

fronte un ampio panorama, e ci si renderà

conto che Chia è costruita proprio nella

classica collocazione etrusca, sulla cima di

un altipiano circondato da profonde e

selvagge forre, da cui sale il rumore dei

torrenti che nel Medioevo muovevano le

macine dei mulini, di cui ancora oggi restano

testimonianze.

 

È un mondo umido e nebbioso, romantico,

dove la realtà cede facilmente

all'immaginazione.

 

 

L'acquisto della Torre si realizza nell'autunno

1970.

 

Pasolini provvederà al restauro, e vi

soggiornerà spesso negli ultimi anni di vita.

 

Costruì ai piedi della Torre una casetta con

grandi vetrate, un luminoso studio e una

cucina.

 

 

Negli ultimi tre anni della sua vita visse

sempre più spesso a Chia, lavorando ad un

romanzo, Petrolio” (Einaudi), rimasto

incompiuto.

 

Spedirà da lì non poche delle sue Lettere

luterane: l'estrema denuncia dell'apocalisse

antropologica (le aberranti derive culturali

indotte dal potere neocapitalista sul tessuto

più intimo della vita nazionale, sul millenario

patrimonio artistico, sul paesaggio agrario e

sulla forma delle città).

 

 

Intimamente connessa e necessaria a questo

tema sarà l'appassionata, profetica

invocazione del Processo alla corrotta casta

democristiana, colpevole d'un “errore di

interpretazione politica che ha avuto

conseguenze disastrose nella vita del nostro

Paese”.

 

 

“C'è da salvare la città nella natura.

 

Il risanamento dall'interno.

 

 

Basta che i fautori del progresso si pongano

il problema.

 

Questa regione, che per miracolo si è finora

salvata dalla industrializzazione, questo Alto

Lazio con questa Viterbo e i villaggi intorno,

dovrebbero essere rispettati proprio nel loro

rapporto con la natura.

 

 

Le cose essenziali, nuove, da costruire, non

dovrebbero essere messe addosso al

vecchio.

 

Basterebbe un minimo di programmazione.

 

Viterbo è ancora in tempo per fare certe

cose.

 

[...]

 

Quel che va difeso è tutto il patrimonio nella

sua interezza.

 

Tutto, tutto ha un valore: vale un muretto,

vale una loggia, vale un tabernacolo, vale un

casale agricolo.

 

Ci sono casali stupendi che dovrebbero

essere difesi come una chiesa o come un

castello.

 

 

Ma la gente non vuol saperne: hanno perduto

il senso della bellezza e dei valori.

 

Tutto è in balìa della speculazione.

 

 

Ciò di cui abbiamo bisogno è di una svolta

culturale, un lento sviluppo di coscienza.

 

Perciò mi sto dando da fare per l'Università

della Tuscia”.

 

 

Questa è una parte dell'intervista rilasciata

da Pasolini, sotto la Torre di Chia, al

giornalista Gideon Bachmann, e pubblicata a

pagina 3 del Messaggero di domenica 22

settembre 1974.

 

Una profezia che calza a pennello contro il

tentativo di devastazione, a mezzo

cementificazione, della deliziosa e

caratteristica Valle dell'Arcionello.

 

 

E non è il giudizio o la raccomandazione di

una persona qualsiasi.

 

Si tratta di un indirizzo politico, sociale e

civile, lasciatoci in eredità da un grande

poeta, scrittore e regista.

 

Uno di quelli che, come ha affermato Alberto

Moravia, “ne nascono soltanto due o tre in

un secolo!”.

 

 

E Pasolini ha amato veramente Viterbo e la

Tuscia, senza lamentarsi di aver sottratto

tempo ai suoi impegni personali: instaurò un

rapporto proficuo con il territorio viterbese

e, tra l'altro, s'impegnò personalmente per

ottenere il riconoscimento statale dell'allora

Libera Università della Tuscia.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Lo fece per dare un maggiore sviluppo

all'Alto Lazio, “spendendo” pubblicamente la

propria immagine, e il proprio talento,

manifestando a Roma, sotto e dentro la sede

della Regione Lazio, a fianco degli studenti

viterbesi.

 

 

Fino ad oggi, a Viterbo, nessun grande

evento ufficiale gli è stato dedicato.

 

Nessuna via, nessuna sala, è intestata a lui.

 

Solo colate di cemento passate e future.

 

 

Nel 1975, nella notte tra l'1 e il 2 novembre

1975, Pier Paolo Pasolini veniva assassinato

ma la sua visione del mondo, il suo

patrimonio culturale, il suo spirito vive

ancora nella maggior parte delle persone che

si sono schierate in difesa dell'Arcionello.”

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Chia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Chia è una frazione di Soriano nel Cimino [in

Provincia di Viterbo - NdR]: un borgo di circa

400 persone posto a circa 300 metri di

altezza sul livello del mare che si erge in

posizione panoramica sulla valle del Tevere.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Mugnano in Teverina - Le cascate sul Fosso Castello dove

nel 1963 Pasolini gira la scena del battesimo di Gesù nel

film "Il Vangelo secondo Matteo", sotto

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

L'antico nucleo del 1100 dC circa , seppure

attualmente fatiscente e in completo

abbandono, conserva ancora la sua pianta

originale e ha un notevole interesse storico.

 

I boschi sono disseminati di antiche tombe

rupestri.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Questi luoghi furono abitati fin dal periodo pre-etrusco,

cioè “villanoviano”, come testimoniato da numerosi

ritrovamenti di case ipogee, tombe a grotta, pozzi e

molto altro.

 

Non lontana da Chia anche la zona archeologica di

“Santa Cecilia”.

 

 

Famoso nel Viterbese il detto “Chia, du' case e 'na via”

a sottolinearne il minuscolo tessuto urbano.

 

Il particolare amore di Pier Paolo Pasolini per Chia è

tutto in questo estratto da “La nuova gioventù”, “Canti

di un morto”, uscito in prima edizione nel 1975, l'ultimo

libro pubblicato in vita da Pasolini, il segno della sua

fedeltà alla poesia, in particolare a quella dialettale che

ne aveva caratterizzato gli esordi.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

I)

 

Il soreli a indora Chia

cui so roris rosa,

e i Apenìns a san di sabia cialda.

 

Ch'ai torna

vuei Cinq di Mars dal 1974

ta un di di fiesta.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Il sole indora Chia

con le sue querce rosa

e gli Appennini sanno di sabbia calda.

 

[Io sono un morto di qui]

che torna, oggi 5 marzo 1974,

in un giorno di festa.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

             

[...]

               

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

V)

 

   

 

 

Contadìns di Chia!

 

Zà sentenàrs di àins o zà un moment,

jo i eri in vu.

 

Ma vuei che la cìera

a è bandunada dal timp,

vu i no séìs in me.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Contadini di Chia!

 

Centinaia di anni o un momento fa,

io ero in voi.


Ma oggi che la terra

è abbandonata dal tempo,

voi non siete in me.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

VI)

 

   

 

 

Chei ch'a van a Viterbo

o tai Apenìns dulà ch'a è sempri Estàt,

i vecius, a mi soméjn:

ma chei ch'a voltin li spalis,

Diu,

e a van viers n'altri lòuc.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Quelli che vanno a Viterbo

o negli Appennini dov'è sempre estate,

i vecchi mi assomigliano:

ma quelli che voltano le spalle,

Dio [no!],

e vanno verso un altro luogo.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

             

[...]

               

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

IX)

 

   

 

 

Il soreli al taja la val

plena di roris di un rosa di paradis;

i doj pissui fluns ch'a si riunìssin in fond

a murmuréin coma spirs beàs.

 

Encia il vert dal vis'ciu cà e là

al è un vert di paradis.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Il sole taglia la vallata

piena di querce di un rosa di paradiso;

i due piccoli fiumi si riuniscono in fondo

mormorano come spiriti beati.

 

Anche il verde del vischio qua e là

è un verde di paradiso.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Le poesie in Friulano - L'altra lingua di Pasolini”

di Simone Modugno

GEDI WATCH

Viaggio a Casarsa,

dove Pier Paolo scriveva manifesti politici in dialetto

quando era Segretario della Sezione PCI.

E dove fondò un'accademia per la "lenga furlana".

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

E la torre di Chia, che Pasolini nel finale del poema

autobiografico “Poeta delle Ceneri” del 1967 cita come

“la torre di Viterbo, è il suo amatissimo “posto da

lupi...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

“... Ebbene, ti confiderò, prima di

lasciarti, che io vorrei essere

scrittore di musica, vivere con

degli strumenti dentro la torre di

Viterbo che non riesco a

comprare, nel paesaggio più bello

del mondo, dove l'Ariosto

sarebbe impazzito di gioia nel

vedersi ricreato con tanta

innocenza di querce, colli, acque

e botri, e lì comporre musica

l'unica azione espressiva forse,

alta, e indefinibile come le azioni

della realtà...

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

In realtà la cosiddetta “Torre di Chia”, nei pressi di

Bomarzo nel Viterbese, che Pasolini riuscirà ad

acquistare e già solo pochi anni dopo aver scritto quanto

sopra, è la torre del Castello di Colle Casale, una

costruzione medievale piena di fascino e mistero,

risalente al 1200, punto di riferimento nel paesaggio

circostante, racchiusa dentro le mura della fortificazione

e nei secoli via via di proprietà degli Orsini, poi dei

Lante della Rovere ed infine dei Borghese.

 

 

All'arrivo di Pasolini fine Anni Sessanta la zona era stata

a lungo lasciata in abbandono e i terreni ormai incolti

convertiti o a orti o a pascoli: il suo ambizioso progetto

di restauro viene affidato ad un amico e, non a caso,

grande artista lui stesso, lo scenografo Dante Ferretti,

tra i tantissimi riconoscimenti futuro Premio Oscar alla

Migliore Scenografia nel 2005, 2008 e 2012 ed oggi a

piena ragione considerato uno dei più grandi scenografi

viventi.

 

 

Ferretti è infatti con Pasolini in qualità di aiuto

scenografo già ne “Il Vangelo secondo Matteo” nel 1964,

appunto al suo primo incontro ed innamoramento cioè

con la Tuscia e con Chia, poi in “Uccellacci e uccellini”

del 1966 e “Edipo re” del 1967, affiancandolo in seguito,

ora come scenografo, in “Medea”, 1970, “Il

Decameron”, 1971, “I racconti di Canterbury”, 1972),

“Il fiore delle Mille e una notte”, 1974,  fino all'ultima

opera del grande regista “Salò o le 120 giornate di

Sodoma” nel 1975...

 

 

Il progetto di restauro della torre rimane un vero

capolavoro di rispettosa integrazione nel paesaggio, una

casa semplice e funzionale per i suoi bisogni emotivi,

poetici e politici, tutta pietra, legno e vetro, in pratica

perfettamente mimetizzata fra la vegetazione selvatica

e le pareti tufacee di una forra, a dominare quel

fiabesco paesaggio sul torrente della scena del

battesimo di Gesù del “Vangelo secondo Matteo” nel

1963.

 

Pasolini se ne innamora d'impulso e passionalmente si

innamora di questa Terra di Tuscia, antica e dura sotto

un cielo popolato di cornacchie, le uniche a romperne i

silenzi, si sogna subito in quella casa-torre fuori

dell'abitato, a mezzo chilometro dalla più vicina strada,

isolata in una macchia, una seconda pelle che lo ricalca,

nascosta e discreta ma allo stesso tempo creativa e

curiosa di tutto ciò che la circonda, ciascuno stanzone

con grandi pareti-vetrate, interno-esterno fuso in un

tutt'uno uomo-natura, e una cucina

sproporzionatamente minimalista, in cui non saper né

disturbarsi a cucinar un uovo...

 

 

Fino al suo vigliacco assassinio all'Idroscalo di Ostia

quel tragico 2 novembre 1975 vi passerà sempre più

lunghi periodi in una solitudine rotta soltanto da incontri

con la gente del luogo e visite di amici, ovvero violata a

intervalli da ladri e omofobi per vandalizzargli il pur

scarno arredo o rubare arte e reperti.

 

Come l'umile Chia si preoccupa di proteggere “il passato

anonimo, popolare” (troppo facile difendere i

monumenti e le opere d'arte!), anche lui si lascia

coinvolgere, preoccupandosi delle antiche pietre e degli

alberi del piccolo centro - magro e scavato, fuori e

dentro.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

“Ora io non sono più un letterato,

evito gli altri, non ho niente a

che fare coi loro premi e le loro

stampe...”

 

 

PPP 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

A complementare personificazione “sensoriale” del

Pasolini nell'articolo di Roberto Bui alias Wu Ming 1.