in

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il Parco vissuto da dentro

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

             

               

 

                                   

Questa immagine dinamica mostra in successione

i punti di osservazione della nostra passeggiata all'interno

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'accogliente cancello d'ingresso

 

                                   

... sempre chiuso!   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Terminata la nostra "quasi circumnavigazione" dell'attuale Parco

lungo i tratti pubblicamente accessibili del perimetro dei suoi muri

esterni, cercando di crearci un'immagine di quel che possa ancora

custodire al suo "proibito" interno, ne abbiamo comunque potuto

intuire la bellezza e la maestosità.

 

Almeno quanto basti a suscitare in ciascuno di noi curiosità

sufficiente a volervi entrare fisicamente e scoprilo.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Targa o non targa UNESCO, abusiva quella, lo faremo anche noi

"abusivamente", visto il famoso cartello seminascosto dietro il

grande cancello, ma assolutamente sicuri di una cosa:

le nostre aspettative non saranno deluse!

 

Quindi adesso non ci resta che seguire dei "percorsi guidati" e,

reperto dopo reperto, da una "qualche parte" senza dubbio

arriveremo - anche emotivamente parlando...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Già all'inizio della nostro giro esterno del Parco, potevamo

constatare con delusione come il cancello principale oggi

costituisca piuttosto una "barriera" che un ingresso.

 

Non solo perennemente bloccato dalle auto...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

... ma anche da tanto di catena e lucchetto!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Vista al momento l'assoluta impossibilità di accedere al Parco

"legalmente", come sarebbe del resto non solo auspicabile, ma

normale e dovuto), entreremo  a documentarne lo stato

accettando, nostro malgrado, di aggirare in maniera pragmatica

tutti gli ostacoli materiali e immateriali ...

 

Per farlo utilizzeremo quel varco spalancato da cui "tutti gli altri"

passano, tornando indietro al nuovo angolo di Sud-Ovest, vicino

al supermercato!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Prima di entrare ancora una vola un'opportuna precisazione sul

"dove" in effetti ci troviamo.

 

Quando ai nostri giorni parliamo di "angolo Sud-Ovest" del Parco

rischiamo di falsare la percezione spaziale dell'intero allestimento.

 

 

Dobbiamo immaginarcelo molto più esteso, a comprendre, dalla

strada principale fino al nuovo Mercato ittico cittadino e dritto a

Nord, l'intero lotto rialzato occupato dall'attuale supermercato.

 

Entrandovi oggi ci troveremo di fatto già ad un terzo della sua

originaria larghezza e non tenendo questo presente, la percezione

generale della sua superficie, ma soprattutto quella del contesto

originario da cui il posizionamento di reperti e manufatti, come li

vediamo adesso "vicinissimi" al confine, allora immersi nel verde.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Sulla mappa catastale austro-ungarica del 1830 la reale estensione della struttura al suo

completamento, con tutte le rispettive particelle rurali che la compongono, di seguito in

ordine di numerazione e con i rispettvi lotti:

 

- Particella 1119 o "quadrante Sud-Ovest", l'ultimo incluso in ordine cronologico,

comprensivo dell'attuale spiazzo-marciapiede sulla strada prospiciente l'odierno

supermercato

 

- Particella 1120 o "quadrante Sud-Est", la parte iniziale del Parco

 

- Particella 1121 o "quadrante Nord-Est", il terzo quadrante aggiunto in ordine di tempo

 

- Particella 1122, insieme alla Particella 1124 il "quadrante Nord-Ovest", prima

espansione del Parco dopo il quadrante di Sud-Est

 

i quali vanno a completarsi con le seguenti aree edificate:

 

- Particella 1041 e Particella 1042 all'estremo angolo Sud-Est, quelle della cosiddetta

"Barchessa" (da notare, qui ancora due edifici separati!)

 

- Particella (forse) 1046 al centro addossata al confine Est, quella del "Casinetto delle

delizie"

 

- Particella 1045 all'angolo diametralmente opposto all'estremo Nord-Ovest, quella della

"Casa del Giardiniere".

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ora di fare il primo passo in questo meraviglioso Parco

ufficialmente "aperto" ma permanentemente "chiuso", anche se di

fatto "spalancato", abbandonato al suo destino nelle mani di

ragazzi, sbandati e tossicodipendenti locali.

 

Finalmente si entra!...

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Il primo passo "nel" Parco

 

                                   

alla sua scoperta da un pubblico

 

                                   

... passaggio "segreto"  

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La Storica Città di Trogir

dal 1997 iscritta nella Lista UNESCO

del Patrimonio Culturale Mondiale dell'Umanità

 

vi dà il benvenuto

 

in uno dei suoi più preziosi gioielli, il Parco

Agricolo-Botanico-Culturale Garagnin-Fanfogna

non affatto protetto dall'UNESCO ma pur sempre

"Monumento di architettura ortoculturale"

e primo Giardino Botanico della Croazia

allestito nel 1802 dai traurini fratelli

Gian Domenico e Gian Luca Garagnin!

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Lungo il muretto Sud

 

                                   

verso il cancello principale

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Oggi di nuovo ringhierato dopo essere stato a lungo recintato con

semplici passoni e filo spinato, in pratica aperto ai vandali, poi

ringhierato una prima volta Anni Cinquanta-Sessanta.

 

 

Avviandoci verso il cancello principale lo spettacolo è

deplorevole, davanti i nostri occhi e sotto i nostri piedi, cercando

di evitare i rifiuti a terra, tra cui siringhe in inaspettata quantità...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Il grande cancello dall'interno

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Questo avrebbe dovuto essere l'ingresso... 

 

Arrivati nella Contea di Spalato e Dalmazia in aereo, nave, treno,

auto, autobus di linea o turistico, il visitatore è nel cuore della

Storica Città di Trogir, vera perla dell'Adriatico, a pochi metri dal

piccolo ponte che lo porterà al suo Centro Storico protetto

dall'UNESCO, e questa dovrebbe essere la prima tappa obbligata

fra le sue bellezze naturali e culturali!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Così da dentro il Parco, guardando il cancello principale

sembrerebbe un quasi normale ingresso,

 

se non fosse da anni rigorosamente chiuso, incatenato e

lucchettato

 

se non fosse per quella semiapertura delle ante che la dice lunga

su quanti frustrati turisti le abbiano spinte con grande delusione

nel tentativo di forzarle

 

se non fosse che sotto quella targa marmorea di millantata

appartenenza al patrimonio urbanistico-architettonico sotto

protezione UNESCO, non venissero accatastate cianfrusaglie da

mercatino esposte sul piazzaletto dal piccolo bazar ospitato allo

scatto della foto nell'ala destra della Barchessa.

 

 

Sarebbe più normale che quel locale ospitasse un punto di

benvenuto al Parco, con vendita di libri storici e opuscoli al

riguardo, come pure, perché no, oggetti ricordo e casomai una

biglietteria se a simbolico pagamento!

 

Solo allora il cartello di informazione turistico-culturale, oggi

seminascosto lì dietro il fogliame degli alberi, quasi si vergonasse

d'esserci, potrebbe finalmente acquistare una funzione e un

senso...

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

La "Barchessa" nascosta

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La facciata interna della Barchessa al Parco, appare subito troppo

"pulita", rifatta e stravolta in tempi moderni.

 

 

Le piccole finestre molto probabilmente originali, da stalla e

magazzino, ma intercalate da una lunga serie di porte e porte-

finestra protette da moderne grate che proprio nulla hanno di

Ottocento e che al fine di illuminazione ed areazione rendono

palesemente superflue le finestrelle originali...

 

Nulla di non già visto, dato tale sfregio è stato fatto nel Centro

Storico, dove lungo le strette "calli" quasi ogni facciata di edifici

appetibili per un commercio ad oltranza per lo più turistico, è stata

"traforata" a piano terra per far posto a troppo moderni ingressi,

vetrine ed infiniti Bancomat anche a un metro di distanza uno

dall'altro!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Non sembrano più "stalle" e "magazzini", sparito il caratterizzante

ingresso ad androne che dalla strada principale innescava sul

vialone verso "Lapidarium", "Casinetto delle Delizie" e

"Orangerie", sparito il vialone, dei due imponenti "letamaj" ai lati

nessuna traccia.

 

A terra cancellato qualsiasi appiglio percettivo che aiuti

comprenderne l'originario disegno, tutto sostituito da un moderno

lastricato in piastre di cemento...

 

 

Sembrano proprio e sono diventati dei qualsiasi "negozi"!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Distrutto e murato, del grande ingresso di utilità rimangono solo

minime tracce.

 

Alcune delle pesanti pietre di stabilizzazione degli stipiti, quello di

destra per l'intera altezza, quello di sinistra purtroppo solo la base

e due robusti cardini del portone o cancello.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Unica riflessione sui rifacimenti della facciata è devono essere

stati più di uno ed in epoche molto diverse, quello della finestrella

al posto del portone in tempi più remoti, le altre modifiche molto

più di recente.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Il cancelletto secondario Est

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Seminascosto dalla vegetazione a sinistra della Barchessa, il

cancelletto di servizio sulla strada laterale.

 

Già comodo e discreto ingresso pedonale a Barchessa, Casinetto

delle Delizie e Orangerie, oggi altrettanto comodo cestino di

immondizie per i passanti.