Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

"G. Bresciani"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prima paginaBenvenutoAttività in corsoEventi speciali

Visita virtualeCollezioniDove come quandoTeche e archiviMuseo esteso

Archeologia per tuttiVolontariSociSostenitoriRingraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Virtualmente già qui

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Clicca su un colore per andare alla rispettiva zona

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le tematiche generali del museo ed alcuni dei reperti esposti per

incuriosirvi a domande come "Chi?" - "Che cosa?" - "Quando?" -

"Perché?", augurandoci che ciò vi ispiri a visitarlo per una più

completa esperienza museale ed oltre e che le nuove conoscenze

possano diventare di stimolo ad ulteriori nuove esperienze.

 

Gli archivi, sempre più ricchi di reperti, foto e documenti, uno

spaccato di storia del lavoro e una miniera di informazione anche

su mestieri scomparsi o in via di estinzione, di indiscutibile valore

per chi faccia ricerca nel campo ed utilizzabile come risorsa

educativa per l'apprendimento di studenti di tutte le età e a tutti i

livelli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La zappa antropoforma per "cavare" le barbabietole ed il motto

latino della "Ditta G. Bresciani - Bracciano", il logo dell'originario

progetto museale il "Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria

della Tuscia Romana™" di UnionTuscia™ - L'Unione degli 

Imprenditori dellaTuscia Romana™

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qualunque l'età, chiunque vi potrà ampliare la propria prospettiva

su successi e fallimenti del cosiddetto "progresso", vedendo

come cose che si fanno ancora oggi venissero fatte ieri,

comparandone vantaggi e svantaggi, senza nostalgie, quanto

piuttosto per poter in prima persona intraprendere passi più

consapevoli verso un futuro sostenibile.

 

Sperando che questa anteprima del divenendo Piccolo Museo

"della Gente per la Gente" possa già da ora contribuire ad

invogliare le famiglie braccianesi "da generazioni" a rendere

comuni i loro preziosi patrimoni di storia privata e professionale

o, perlomeno, a condividere con entusiasmo l'ottima notizia della

loro provata esistenza!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aree tematiche

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli spazi espositivi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come dal nome, si tratta di un "piccolo museo", limitato nello

spazio fisico, non certo nei temi e contenuti e neppure di minore

importanza nella sua ambizione di rappresentare l'operosità della

"gente comune", le umili vite di duro lavoro di quanti, alla fine, la

"storia vera" - quella solo di rado appena accennata dai libri di

scuola - la fanno.

 

Piccolo il museo quindi, grandi le tematiche, il cui intrinseco

valore, quali preziose testimonianze storiche di una intera

collettività, le rende essenziali nel cercare di (ri)costruire e

tramandare una "condivisa memoria identitaria" delle nostre

"radici primarie", cioè "locali", assoluto presupposto di quelle

territoriali e nazionali.

 

Radici profonde giù in questa terra tanto benedetta dagli dèi

quanto spesso dimenticata dagli uomini, da cui e di cui anche

qualsivoglia espressione "alto-culturale" e "simbolico-religiosa"

nasce, si nutre, cresce, si evolve, e senza cui tutto diventerebbe

anonimo, noi stessi dei "nessuno" che, dal nulla venendo, verso

il nulla vanno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sezioni principali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sezioni speciali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cliccare un'icona per la presentazione della Sezione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prima Sezione Tematica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"La Terra"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel cercare di crearsi una propria immagine del Mondo e quindi di

, già i nostri progenitori più antichi andranno sviluppando un

mosaico in cui Terra ed "Astri" avranno ovviamente ruoli centrali,

in una ricca rete di relazioni e interazioni tra di loro e con noi, noi

"qui" sulla Terra e i tanti "loro" lì, sopra di noi, a dominarci.

 

Immagine geocentrica evolverà in modello astronomico

dell'Universo, "il" sistema cosmologico predominante in molte

delle prime Civiltà e per duemila anni ancora, Madre Terra, la più

grande divinità senza che sia divina, ma sacra sì, Madre Terra e

Padre Cielo, binomio Terra-Cielo delle ziggurat babilonesi come

delle piramidi egizie.

 

La greca Ghê o Ghêa, Γῆ, poi Gaia, Γαῖα, e nelle lingue romanze

Terre Francese, Tierra Spagnolo dal Latino Terra, in quelle

germaniche Earth Inglese, Erda o Erde Tedesco, Olandese Aarde e

nelle scandinave Jord o Jorde, comune radice *erþā, da cui ogni

vita sotto e sopra le acque, declassata a Pianeta soltanto dal XVII

sec.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Seconda Sezione Tematica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Le Arti e i Mestieri"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Arte", in Greco τέχνη, tèchne, legato a poïésis o "produzione", da

ποιέω, "creare" (come in "poesia"!), processo in cui teoria e

pratica sono sinergiche, ispirazione e maestria da conoscenza e

sensibilità, intuizione ed esperienza, che il Latino sostituisce con

ars, da artus, "braccio", e arma gli "strumenti" di lavoro, difesa e

guerra.

 

Da ars, "arte", professione, mestiere, e da facere, fare, deriverà

artifex, l'"artista", "artigiano" di particolari abilità, esperto, artefice,

creatore, e artificium la sua produzione, "artefatto", cosa fatta "ad

arte" (altro è "artificio", dal 1600 "parvenza", "trucco"), pur

mantenendo dal Greco technicus, professionista specializzato,

"maestro di un'arte".

 

Con la successiva evoluzione del linguaggio, "artigiano" indicherà

chi eserciti arte "meccanica" di "lavoro manuale" a basso livello,

mentre "artefice" chi ne abbia speciali abilità e, distinto, "artista",

chi operi professionalmente in ambiti altamente estetici,

cosiddette "belle arti", cioè pittura, scultura, musica, teatro e

finanche la poesia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Terza Sezione Tematica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"L'Industria"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Con l'"industrializzazione" inizia il processo per cui la società

passerà dal modello di vita basato su sistema produttivo agricolo-

artigianale-commerciale di economia rurale tradizionale, ad uno di

attività "non-agricole" utilizzando macchine ad energia meccanica-

termica-elettrica, a sostituire il lavoro muscolare di animali e

umani.

 

In "fabbrica" si concentreranno macchinari, forza lavoro e

capitale, ma spopolando le campagne senza raggiungere vero

"progresso" sociale, se mai un "benessere materiale" al prezzo

spropositato di distruggere valori essenziali per la "qualità" della

vita, "modernizzazione" senza un miglioramento delle condizioni

di vita né individuali né collettive.

 

Introdotte attività industriali porteranno sì ad incremento

quantitativo e qualitativo di "capacità produttiva", però con

catastrofica perdita della nostra identitaria "mentalità collettiva",

di esperienze di sopravvivenza e saggezza anche millennarie, quel

peculiare patrimonio culturale di capacità di adattamento

all’habitat naturale armonizzandovisi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sezione Speciale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Le Tradizioni"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Tradizione", dal Latino tràdere, "consegnare", riferisce a

consuetudini tramandate, "tradizioni popolari", "folklore",

trasmesse da generazioni quale "memoria collettiva" di un

gruppo, credenze religiose, mitologie, leggende, superstizioni,

ritualità, usanze, consuetudini, attraverso racconto orale e

comportamenti più che pensiero e documenti.

 

Questo corpus di credenze e pratiche condivise, usi e costumi,

vanno a esprimere quei valori sociali fondanti che ciascuna

generazione di umani impara, preserva e sviluppa, tanto

"inculturandosi" cioè al suo interno quanto "acculturandosi"

dall'esterno, consegnandoli poi alla prossima generazione, tanto

più fortemente "identitari" quanto più minoritaria la Comunità.

 

Appartengono alle scienze "etno-antropologiche" le ricerche

demo(psico)logiche su cultura materiale ed immateriale, usanze e

costumi, pratiche religiose e consuetudini di diritto, dialetti e

modi di dire, tradizioni orali di poesie, aneddoti e favole, musiche,

canti e balli "del popolo", tutti processi di "costruzione sociale

dal basso" di strati non elitari.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sezione Speciale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"La Cucina"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"L'uomo diventa quello che mangia", mangiare non è mai una

semplice questione fisiologica e nutrirsi non si ferma alla pura

sopravvivenza, perché il cibo è ponte fra corpo e spirito, ci fa

esistere e ci permette di essere, gusto e delizia, ci rapporta anche

agli altri, impegno e cura, è identità e cultura, dice chi siamo e da

dove veniamo.

 

Mangiamo per necessità, ma è un fatto culturale, che lega il cibo

al patrimonio artistico e paesaggistico, una "cultura

enogastronomica", profonda soprattutto in contesti locali con il

suo ruolo pienamente identitario, esso stesso "patrimonio di

sapori - patrimonio di saperi", "specialità locali", modi tradizionali

di produrre e consumare alimenti in piatti tipici.

 

Le ricette tradizionali non sono ingredienti né procedure,

raccontano la civiltà della Comunità, di generazione in

generazione, testimonianza capace di unire e coinvolgere nella

ospitalità e convivialità, invito a fermarsi, degustare, gradire, fare

esperienza consapevole del cibo, con il senso del lavoro, del

tempo e degli effetti per produrlo, prepararlo e consumarlo

gustandolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sezione Speciale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"I Lavori Femminili"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il lavoro umano subisce drastici cambiamenti negli due ultimi

secoli, nei contenuti, componenti, funzione sociale, tempi, luoghi,

ma sempre con una costante ed intrinseca connotazione di genere

nella divisione dei ruoli, minore riconoscimento sociale del lavoro

femminile, diverso coinvolgimento nel lavoro familiare e nelle

attività produttive.

 

Quando si parla de "i lavori delle donne" si indica una delle

peculiarità dell'occupazione femminile proprio nella sua "pluralità

e multiformità", lavoro pagato e non, familiare di cura, produttivo

di fabbrica, agricolo di autoconsumo, professionale, a domicilio,

di servizio, precario... ma quindi sempre e comunque "lavori" e

non "lavoro".

 

Tradizionalmente i lavori cosiddetti "femminili" sono tombolo,

chiacchierino, ricamo, uncinetto, filet, produzione di profumi e di

saponi, ma soprattutto l'artigianato femminile andando ben oltre

abbigliamento e complementi di arredo, filatura, tessitura, tintura,

ceramiche tradizionali, basato su sensibilità ed abilità artistica del

pratico ed ornamentale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luogo di incontri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sala proiezioni e conferenze

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un museo, per definizione centro eccellente di attività culturale,

fonda la propria esistenza anche sull'organizzazione di eventi -

conferenze, incontri, proiezioni, presentazioni, spettacoli, concerti

- offrendo approfondimenti e coinvolgimento, quale luogo "vivo"

e "vivificante", che instaura ed alimenta un dialogo "vivace" con la

sua Comunità.

 

Tali eventi non si limita ad idearli ed organizzarli, ma li ospita

volentieri su iniziativa di terzi, come associazioni culturali, circoli

letterari e gruppi giovanili, mettendosi a disposizione quale

"luogo di incontro", per accogliere tutte le espressioni cui si

presta, anche speciali mostre tematiche, da allestire poi su

richiesta in altri musei o sedi altre, come scuole e luoghi pubblici.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bruno Panunzi in un fermo immagine

dal video di una delle visite guidate al Centro Storico di Bracciano, qui nel 1996

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Informazioni verranno date su disponibilità e condizioni di

fruizione della Sala proiezioni, come pure sulla programmazione

che vi farà in proprio il Museo una volta realizzato, già da ora

garantendo assistenza tecnica - luci, audio e video - da parte di

personale qualificato per l'utilizzo delle attrezzature, inclusa la

documentazione multimediale degli eventi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Restauro e classificazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Laboratorio di analisi e primo intervento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Purtroppo, il più delle volte i reperti giungono ad un museo in

precarie condizioni di conservazione, vuoi il deperimento naturale

dei materiali usati, vuoi molto spesso l'incuria, dimenticati in una

cantina umida e malventilata o una soffitta arroventata dal sole, a

malapena "sopravvissuti" agli attacchi di muffe, funghi, parassiti,

topi, palombi...

 

Qualunque il materiale, i reperti finiscono comunque per subire

fenomeni di alterazione o degrado anche gravi, come corrosioni,

ossidazioni, rigonfiamenti, spaccature, parziali sollevamenti o

cadute di intere superfici, indebolimenti, marciture, sfarinamenti,

sgretolamenti, vere e proprie trasformazioni della materia stessa.