L'“Irredentismo”

 

                                   

italiano

 

                                   

 

                                   

Da Nizza a Fiume

 

                                   

dalla Corsica e la Savoia

 

                                   

   alla Dalmazia...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'“Irredentismo” come movimento d'opinione,

soprattutto ma non solo italiano, si sviluppa a cavallo

tra XIX e XX sec, più precisamente dalla fine del

Risorgimento a tutto il Primo Ventennio.

 

L'aspirazione è “patriottica”, cioè completare o

perfezionare  la riunificazione nazionale entro i confini

dello Stato Italiano, liberando quelle terre ritenute

ancora “irredente”, vale a dire non liberate dal dominio

straniero, riportandole all'interno dei confini della

“Madrepatria”, per antonomasia le terre e popolazioni

rimaste sotto l'Impero d'Austria-Ungheria dopo la Terza

Guerra d'Indipendenza del 1866, quindi Trentino,

Venezia Giulia, Fiume e Dalmazia.

 

 

“Irredento”, una parola dalle assonanze, dal sapore e

dalla storia fin troppo settario-religiosa, che fa

inevitabilmente pensare a una “redenzione”, la

redemptio latina, redemptus da redimĕre, nel senso di

“riscattare”, redimere o redimersi o venire redento - un

popolo oppresso, classi diseredate e sfruttate, peccato,

vizi, disonore - e a un “Redentore”, redemptor che

opera grazia...

 

Concetto che quindi appartiene più alle religioni, nella

cui storia è ampiamente diffuso concretizzandosi in

rituali, che implica “liberazione da uno stato di impurità,

di inferiorità, di sofferenza”, tema centrale delle

religioni “soteriologiche” o di salvezza, misteriche,

indiane, Ebraismo, Cristianesimo, qui con un “Cristo”,

un Unto dal Signore, l'Uomo forte, per riscatto da

peccato e morte a elevazione e santificazione (senza

dimenticarne l'uso in ambito economico, come

“ammortamento” o estinzione di un debito pubblico

“redimibile”!).

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

L'Irredentismo

 

                                   

risorgimentale

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Un movimento comunque politico, primariamente anti-

austriaco, affatto unitario, composto da gruppi ed

associazioni, con radici alla fine del XVIII sec, di

reazione al tentativo dell'Impero Napoleonico di

annettere, oltre la Corsica, anche Regioni dell'Italia

continentale, come Piemonte, Liguria e Toscana.

 

Il fenomeno diventerà rilevante dopo il “Congresso di

Berlino” del 1878 e i Giuliani, reclamando all'Austria

almeno l'unione della Venezia Giulia al Regno

Lombardo-Veneto, riusciranno a bloccare l'annessione

dell'Istria alla Confederazione Germanica, proprio

rivendicandone l'appartenenza all'Italia.

 

 

Non a caso appena dell'anno precedente il termine

“irredentista” ad opera di un giornalista viennese, che

vorrebbe far del sarcasmo nei confronti degli Italiani

che parlano di “terre irredente”.

 

L'atteggiamento dello stesso nuovo Stato Italiano al

riguardo del sentire popolare non sarà che ambiguo, di

tolleranza, poi di contrasto, quindi di repressione, con

molte associazioni forzatamente dissolte, ridotte alla

clandestinità o all'esilio, accusate di “irredentismo

irresponsabile”, “sovversivo”, “cospirativo”,

“separatista”, tutto per opportunità di politica estera,

non senza strascichi polemici che si protrarranno fino

alla seconda metà del XX sec e ai giorni nostri.

 

 

I vari movimenti irredentisti post-risorgimentali o “del

Regno” reclamano la liberazione e annessione in

particolare di:

 

- Trentino (all'inizio senza Südtirol o “Alto Adige” che lo

si voglia chiamare!)

 

- Venezia Giulia

 

- Istria e Dalmazia

 

- Nizzardo

 

- Corsica

 

- Malta, con le sue isole minori

 

- Canton Ticino e valli italofone del Kanton Graubünden

o Canton Grigioni, in Romancio Chantun Grischun o

Cantung Grischung.

 

 

I criteri per definire tali territori come “italiani” e, di

conseguenza, “irredenti” variano:

 

- il primo è linguistico-culturale, un'identità etnica di

rilevanza politica, cioè la “presenza” (ancor più se

uniforme e addirittura maggioritaria) di popolazioni

italiane, o comunque italofone, sul territorio

 

- seguito da quello geografico, a tavolino, cioè

l'appartenenza del territorio entro confini non politici

ma “naturali”, catene montuose, vallate, fiumi, mare,

per una sorta di “vicinanza inclusiva”

 

- da ultimo lo storico, questo sì arbitrario, statico ed

anacronistico, cioè la “passata appartenenza” o un

qualche precedente legame storico del territorio, più o

meno lontano nel tempo, ad un antico Stato o Nazione

“italici”, vale a dire “pre-unitari”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

L'Irredentismo

 

                                   

fascista

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dal punto di vista sia sostanziale che cronologico

l'irredentismo risorgimentale va nettamente distinto da

quello poi egemonizzato, manipolato, stravolto e

strumentalizzato dal Fascismo:

 

- il romantico risorgimentale-patriottico, si sviluppa

spontaneo dal basso, trainato da forti ideali e spesso

in contrasto con gli interessi stessi e le politiche

contingenti dello Stato

 

- quello politico-strumentale fascista, viene pianificato

ad hoc ed aizzato dal Regime per distrarre le masse

verso unificanti “nemici esterni”, ladri di terre

“nostre”.

 

 

Il primo sogna la completa riunificazione al Regno

d'Italia di quei territori a popolazione italiana

“rimastine fuori” nel 1870, il secondo, artificioso,

aggressivo e colonialista, preluderà agli arbitri e soprusi

verso popolazioni e Stati terzi, poi perfezionatisi negli

inumani orrori della Seconda Guerra Mondiale e finiti,

come del resto ben oltre che prevedibile, nella più

apocalittica delle catastrofi.

 

Dopo la Grande Guerra i movimenti irredentisti vengono

infatti palesemente ingabbiati, asserviti e alterati

nell'ideologia fascista, piegandoli a fini di propaganda

nazionalista per legittimare quelle improbabili

“italianizzazioni forzate” figlie di ambizioni

imperiali(ste), la nascita cioè di una “Grande Italia”

fuori dai propri confini, in altre parole un Impero

coloniale.

 

 

Con l'avvento del Fascismo diventano “irredenti” anche

la Savoia e Corfù con le altre Isole Ionie di Zante,

Leucade, Cefalonia, Itaca e Paxo, geograficamente

esterne alla conformazione fisica italiana, storicamente

estranee alla tradizione italiana, culturalmente e

linguisticamente povere o addirittura prive di

“italianità”!

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

L'Irredentismo

 

                                   

ad oggi

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Tutt'altro sarà il Secondo Dopoguerra, in cui si passerà

da un estremo all'altro, con Governi Italiani

internazionalmente appiattiti, rappresentanti di una

Nazione sconfitta alla resa dei conti, “Armistizio” o non-

armistizio con gli Anglo-Americani, in Europa e nella

NATO “penitenti” servili, sottomessi alle politiche estere

degli Stati Uniti d'America, quindi dei “cugini prediletti”

Britannici e degli “amici di comodo” di questi, i

neo-Slavi del Sud.

 

 

Particolarmente penosa la Questione Istriana” in cui

tali Governi, senza nemmeno tentare di esercitare la

minima, pur motivabile pressione per una loro revisione,

non solo daranno definitivamente per “scontati” i

confini politici nazionali post-bellici tracciatici,

 

 

vuoi con il “Trattato di Parigi” del 1947 dalle “potenze

vincitrici, alleate, associate” et alterae (ma allora

l'Armistizio e le nuove Allenze ?!):

 

- oltre a Stati Balcanici - Albania, Grecia, Repubblica

Socialista Federale di Jugoslavia - e Stati Africani -

Libia, Eritrea e Somalia - la dovuta restituzione dei

territori palesemente “rubati”

 

- alla Francia tra l'altro Nizza, Mentone e buona parte di

Alpi Marittime, coi Comuni di Tenda, Briga, Valdieri e

Olivetta San Michele, Monte Chaberton, Cima di Marta,

Monte Saccarello, Altopiano del Monginevro, Valle

Stretta, Monte Thabor, Colli del Moncenisio e del

Piccolo San Bernardo

 

- alla Federazione Jugoslava gran parte della Venezia

Giulia - Altopiani Carsici a E-NE di Gorizia, Alta Valle

dell'Isonzo, Valle del Vipacco, parte dell'Altopiano

Carsico, quasi totalità dell'Istria, Fiume e le Isole del

Quarnaro, Cherso, Lussino, Lagosta, Pelagosa, e Zara

 

 

vuoi con l'aggiuntivo Memorandum di Londra” del

1954:

 

- la creazione per finta di un “Territorio Libero di

Trieste”, Provincia di Trieste e Territori Costieri

Istriani, da Ancarano a Cittanova, di fatto mai nato per

mancata attivazione delle procedure stesse necessarie

ad eleggere e far insediare i previsti Organi

Costituzionali

 

- la conseguente cessione ad interim del potere

amministrativo civile del “TLT”, rispettivamente alla

Repubblica Italiana su una “Zona A” e Federazione

Jugoslava su una “Zona B”, di entrambe comunque

mai a livello di diritto internazionale disconosciuta,

tantomeno negata, l'appartenenza al territorio

nazionale italiano nella loro interezza (!)

 

 

ma addirittura cederanno senza oggettiva né

costrittoria motivazione, altra che gli interessi

economici dell'allora FIAT, leggi “Famiglia Agnelli”,

ulteriori territori col famigerato “Trattato di Osimo” del

1975:

 

- la ratifica dello “stato di fatto” della temporanea

separazione “amministrativa” (!) territoriale a seguito

del Memorandum di Londra, con conseguente cessione

“rinunciataria” (!?) e formale cambio di attribuzione,

rendendo in pratica definitive le frontiere fra Italia e

l'allora Federazione Jugoslava.

 

 

L'italianità ignorata della Venezia Giulia oltreconfine,

l'immotivata cessione della “Zona B” del Territorio

Libero di Trieste e l'enclave di Pola, la rovinosa

dissoluzione della Jugoslavia, le inascoltate

manifestazioni triestine di protesta del 1991, la non

affatto scontata qualificazione “automatica” dei nuovi

Stati indipendenti di Slovenia e Croazia quali “eredi”

giuridici della Federazione Jugoslava, controparte in

quel trattato, le loro successive diatribe su terra e mare

in Istria (e non solo), continuano a sollevare seri dubbi

sulla legittimità del tutto. 

 

Come all'epoca dichiarato dalla stessa Federazione

Jugoslava e dalla Serbia, tale ulteriore spartizione

dell'Istria “occupata”, con attualmente ad esempio

Ancarano in Slovenia e Cittanova in Croazia, andrebbe a

contraddire e, quindi, violerebbe le clausole del

“Trattato di Pace”, che, per quanto italianamente

assurdo, almeno garantisce l'unità della superstite

componente etnica italiana nelle Terre Giuliane cedute

alla Jugoslavia, ivi compresa la Città di Fiume.

 

 

E dire che le rivendicazioni velleitarie dell'Italia pre-

bellica non riguardano solo Istria e Fiume, con le Isole

del Quarnaro, Cherso, Lussino, Veglia e Arbe, ma anche

la Dalmazia, con le Isole di Pago, Ugliano, Lissa,

Lagosta, Lesina, Curzola e Meleda, e ancora il Litorale,

con Zara, Sebenico, Traù e Spalato, fermandosi a

malapena davanti a Ragusa, Castelnuovo e Cattaro!

 

Sì, lista dei territori “italiani” considerati via via

“irredenti” da nostalgici storici massimalisti sarebbe fin

troppo lunga e perfino surreale...

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

L'“Irredentismo”

 

                                   

 - ancora?!...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una cosa - ed una sola - risulta ovvia e rimane certa:

la terra “appartiene a tutti” perché in fondo “non è di

nessuno”!

 

 

Dovrebbe essere sperabilmente chiaro almeno oggi, in

quest'epoca di ampio respiro, dagli orizzonti quasi senza

limiti in dimensioni macro come micro dell'Universo di

cui facciamo indistinguibilmente parte, di

“globalizzazione”, nel senso non soltanto economico-

politico e commerciale, quanto piuttosto nell'accezione

antropologica e socio-culturale di “nuova intelligenza e

coscienza planetaria” da parte di una irrilevante ed

effimera specie umana, frenetica e formicolante su un

infinitesimale, insignificante e fragilissimo Pianeta ai

margini dell'esistente...

 

Come la Terra e qualsiasi terra, qui come altrove, in

effetti sia di “tutti quelli” che la vivano rispettandola,

rispettandone cioè le risorse, i tempi, i processi e i

frutti, e, quindi, di “chi(unque)” la abiti e la salvaguardi

prendendosene cura in “quel” determinato momento

storico, per lasciarla, se mai arricchita, in eredità a

qualsivoglia probabili generazioni future, grazie alle

“sue” conoscenze e “sue” tradizioni, “suoi” modelli di

aggregazione e “suoi” stili di vita, “suo” vissuto, “sue”

credenze e “suoi” rituali, perché, come nessuno potrà

mai “possedere” un altro essere umano, neppure la

terra si può possedere, solo goderne!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Trogir intorno all'anno 1900, il maestoso, preziosissimo e celeberrimo

portale romanico della Cattedrale di San Lorenzo dello scultore ed

architetto dalmata Maestro Radovan, risalente al XIII sec, una fra le più

alte opere d'arte dell'intera Dalmazia e da solo già motivo più che

sufficiente per una visita turistica o di studio a Trogir.

 

Qui in una immagine ormai purtroppo storica, prima cioè che venisse

restaurato e, a parere di molti, maldestramente "ripulito" a mo' di

riproduzione plastica Made-in-China, con palese buona memoria

dell'ufficio del Konzervator di Trogir, Dipartimento di Conservazione (!?),

in rappresentanza del Ministero Croato per la Cultura.

 

La paradossale curiosità in tutto ciò è come per regolamento urbanistico

sia proibito a privati di sabbiare le antiche facciate delle case veneziane in

pietra bianca calcarea locale, secondo il principio del "conservare

l'autentico", il quale si rifà ai criteri romantici di restauro inglesi, una delle

tre dominanti scuole di pensiero nell'ambito della conservazione dei

monumenti, insieme a quella francese della sostituzione posticcia e

l'italiana - che oggi va per la maggiore - di bilanciamento fra le due.

 

Foto editata dall'originale su vetro 8,5x8,5 cm, uno di trenta scatti storici

incredibilmente belli di Trogir, conservati a Praga nel Národní Muzeum, il

Museo Nazionale della Repubblica Ceca, la più antica istituzione museale

del Paese, fondata nel 1818, che le ha recentemente pubblicate come

parte della Collezione di educazione fisica e sport, Sbírka tělesné výchovy

a sportu, sulla sua piattaforma online - eSbírky - kulturní dědictví on-line .

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Breve storia

 

                                   

della Città di Trogir

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La Trogir del XIII sec sta ancora una volta risorgendo

dalle sue rovine dopo il sacco del 1123 ad opera dei

pirati saraceni, rasa al suolo anche la sua cattedrale

paleocristiana, simbolo e punto di riferimento delle

Comunità locali.

 

Senza perdersi d'animo e giusto il tempo di ricostituire

le necessarie risorse economiche e culturali, nel 1213

sulle medesime fondamenta già fervono della i lavori

della nuova cattedrale.

 

 

La conosciamo oggi come Katedrala Svetog Lovre,

dedicata sì Sancto Laurentio, cioè al San Lorenzo “sulla

graticola” come i poveri abitanti dell'isolotto, ma ancor

più nota per la devozione al Patrono della Città, il

Vescovo di Traù Giovanni.

 

Un'Opera cui verrà dato grande prestigio da artigiani-

artisti come il Maestro Radovan, cui si deve il

celeberrimo portale, e che, pur essenzialmente completa

la struttura nel 1251, verrà arricchita passando da

romanico a gotico fino al rinascimentale veneziano, con

un campanile distrutto proprio dai Veneziani invasori e

ricostruito, al pari delle grandi chiese europee portata a

termine solo secoli più tardi, nel 1600.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

       

 

                                   

 

     

Frammento del famoso bassorilievo greco

rappresentante Kairos, giovane divinità o

demone alato del "momento felice" o

"attimo fuggente".

 

Nudo con in mano un bilancia,

ragionevolmente ispirato alle opere dello

scultore Lisippo, del IV-III sec aC, oggi

esposto al monastero benedettino di San

Nicola, protettore dei marinai, appena entro

le mura del Centro Storico vicino a Porta

Marina.

       

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Nasce come

 

                                   

la greco-siracusano-lissana

 

                                   

Tragurion

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Trogir, oggi nella Contea Spalatino-Dalmata/Splitsko-

Dalmatinska a una trentina di chilometri a Ovest di

Spalato/Split, lungo la Costa Dalmata centrale della

Croazia, è una perla preziosa che fora il mare con un

perimetro di appena qualche migliaio di passi.

 

 

Già 2.300 anni fa “isolotto delle capre”, a servire lo

strategico cantiere di manutenzione navale più

settentrionale dell'Adriatico, la “Tragurion”, Τραγύριον

o Τραγούριον, greco-lissana del IV-III sec aC in terra

mai celtica di Illiri e di Illi.

 

Diventerà poi, con la vicina Salona capitale della

Provincia di Dalmazia, il Municipio “Tragurium Civium

Romanorum” di quei Romani, alleati di Liburni e Tarioti

contro la nomade macchina bellica dei Dalmati che

spinge da Sud, poi “Tragurio”, “Traù”, “Trogkir” e infine

Trogir.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una delle poche aree scavate dell'antica Salona, oggi Solin, una vera

Pompei balcanica, la capitale della Provincia Romana dell'Illiricum e per un

periodo di fatto dell'Impero Romano, alle porte di Spalato, questa

successivamente sorta dentro e attorno il Palazzo già "villa"

dell'Imperatore Diocleziano.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Cresce come

 

                                   

la romana Tragurium

 

                                   

“Civium Romanorum”

 

                                   

dei Cittadini Romani!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Trogir verrà a lungo descritta come

 

                                   

 

                                   

“fertile e riguardevole”

 

                                   

 

                                   

fondata in mare, situata

 

                                   

 

                                   

“in luogo assai fecondo

ed ameno”

 

                                   

 

                                   

con una

 

                                   

 

                                   

“picciola campagnuola

che dalla parte di tramontana

 

nel continente

gli sta in faccia”

 

                                   

 

                                   

mentre

 

                                   

 

                                   

“dalla parte meridiana

 

gli sta incontro un'isoletta

nominata della Bua

 

non più discosta dalla città

che soli passi”

 

                                   

 

                                   

poi ancor più stretta in mura turrite, ma

 

                                   

 

                                   

“nell'angustie

di sua circonferenza”

 

                                   

 

                                   

ben dotata di tutto ciò che in

 

                                   

 

                                   

“abbondanza d'una città

vien bisognevole e necessario”.

 

                                   

 

                                   

E questo ancor prima che gli occupanti colonizzatori

veneziani la trasformeranno nella “bellezza di pietra”

poi a tutti nota, fino ai nostri giorni.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

       

 

                                   

 

     

Il grezzo basamento di evidente fattura

arcaico-croata a sostituirne l'originale

mancante sotto una delle colonne romane di

granito egizio "riciclate" da Salona, come la

maggior parte degli altri elementi lapidei

nella più antica chiesa di Santa Barbara del

900 dC, la più antica di Trogir

       

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Si consolida come

 

                                   

Oppidum Romanum

 

                                   

il medievale

 

                                   

Tragurio o Trogkir

 

                                   

degli Hrvati - i “Croati”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Abbandonata la Dalmazia dai Romani nel 476 dC e

passati gli Ostrogoti, che la lasciano con l'oro di riscatto

di Teodosio, per l'arrivo dei primi Croati, cugini slavo-

caucasici e compagni di migrazione dei Serbi, bisognerà

aspettare il tardo VII sec, anche se la loro presenza

diventerà costante e significativa nella zona solo a

partire dall'VIII sec.

 

 

Del X sec la chiesetta di San Martino/Svetog Martin poi

Santa Barbara/Sveta Barbara, dietro a ridosso della

Loggia-Tribunale sulla piazza grande, già “agorà” greca,

testimonia i primi rozzi tentativi di lavorare

artisticamente la pietra da parte della nuova

popolazione.

 

I Croati sono appena passati da nomadi a stanziali,

guerrieri campioni di sopravvivenza, quindi ricchi di

tutt'altre qualità e competenze che le urbane, e per le

loro costruzioni ora stabili continuano quasi al cento per

cento a servirsi dell'inesauribile deposito di “Lego”

rappresentato dalle rovine di ville romane lungo la

costa, da quelle di Salona e dalla Villa/Palazzo di

Diocleziano a Spalato/Split.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La stupenda trifora “romanica” sulla facciata dell'abitazione ora ritenuta la

più antica preservata di Trogir, casualmente tornata alla luce durante

recenti lavori di restauro dell'edificio, fino a quel momento classificato,

secondo la sua patina e sovrastrutture visibili, “tardo-barocco”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'Oppidum Romanum ora entra sì “croato” nella vita

comunale del Medioevo, ma purtroppo quel che rimane

della nuova cultura forgiata dai loro costruttori e

artigiani, sempre più amici familiari delle feconde cave

di pietra locale, come la bianco-calcarea “Plano”, assai

poco rimane dopo l'ondata colonialista della

“Serenissima”.

 

Solo accenni di quel patrimonio in due abitazioni del

Centro Storico che conservano le loro bellissime facciate

romaniche.

 


La
lotta armata degli abitanti di Trogir contro focosi

pretendenti e potenziali stupratori - Ungheresi,

Ottomani e Veneziani - è lunga ed estenuante, anche se

all'inizio difesa con successo dal suo Vescovo,

Giovanni/Ivan, eroe cittadino e santo patrono, forte

simbolo d'indipendenza.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il Leone Alato con il Vangelo di San Marco o "Leone Marciano", simbolo per

eccellenza della Serenissima Repubblica di Venezia, per questo anche

detta "Repubblica del Leone" (qui senza spada a simbolizzare dominio e

appartenenza del territorio in tempo di pace).

 

Grande scalpore nell'opinione pubblica italiana di allora l'incidente del 1-2

dicembre 1932, quando, a seguito del propagandistico e sconsiderato

slogan fascista colonialista "Dovunque ci sia un leone alato, là c'è l'Italia!",

proprio a Traù membri dell'associazione nazionalistica "Sokol" ne

danneggiano o distruggono ben otto, tra l'altro quelli maestosi sulle due

porte alla città nelle mura perimetrali, nella Loggia - il più prezioso perché

addirittura di Nicolò Fiorentino! - e sulla Torre "San Marco" (tuttora la

questione rimane tabù e, tolti a mazzate, come con lo scalpello si cancella i

nomi italiani delle vie cittadine, quel che ne resta viene ancora tenuto

ostentatamente accantonato nel cortile del Museo Civico).

 

Con tutta la dovuta considerazione possibile per i più che legittimi

risentimenti contro quell'Italia, fascista, arrogante e colonialista, in quel

momento storico, prima, durante e subito dopo la Seconda Guerra

Mondiale, la storia però non si può cancellare a pezzi, secondo il proprio

contingente comodo, anche perché Trogir di fatto vive oggi in gran parte

del turismo procuratogli essenzialmente proprio dal patrimonio sociale,

culturale, urbanistico, architettonico e artistico ereditato da Venezia e la

stessa lingua Dalmatica, neolatina e romanza, non certo slava (come del

resto l'Istro-Rumena), è copiosamente costituita e profondamente

influenzata dal Veneziano arcaico ed antico, per non parlare dello stile di

vita...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Assediata martoriata

 

                                   

devastata e ricreata come

 

                                   

la strategica Traù

 

                                   

“acculturata di venezità”

 

                                   

gentilezza e fasto sì

 

                                   

ma anche di “asservaggio”

 

                                   

dalla Serenissima

 

                                   

 

                                   

Come ancora oggi intatto

 

                                   

riconosciamo il “magico”

 

                                   

isolotto della Città Vecchia

 

                                   

nella greca Civitas circolare

 

                                   

di nobili e ricchi Veneziani

 

                                   

e nel medievale Burgus

 

                                   

quadrangolo di Croati servi

 

                                   

(la neoricca borghesia

 

                                   

 “industriale” su Bua...)

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La marinara Repubblica di Venezia ci prova nel XII sec e

ci riprova nel XIII sec e ancora nel XIV sec, senza mai

darsi per vinta, fino che Trogir non diventa una spina nel

fianco e una fissazione...

 

Alla fine la prospettiva e la speranza di un futuro nelle

proprie mani la città deve comunque perderle dopo la

seconda caduta di Sibenico/Šibenik del 1412

 

 

Anche la sua libertà viene brutalmente soppressa nel

1420, non dopo una lunga ed eroica difesa costata

morte e devastazione.

 

Rimarrà occupata per quattro secoli, fino cioè al

collasso della Serenissima del 1797.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

Una carta storica della "Dalmazia Veneta", senza l'Istria

/Istra, a comprendere, a Nord, l'Arcipelago del Quarnaro

/Kvarner, la parte centrale di Zara/Zadar, Sibenico/Šibenik

e Spalato/Split con le grandi isole di Brazza/Brač,

Lesina/Hvar, Curzola/Korčula e Lissa/Vis, giù giù fino a

Ragusa/Dubrovnik e al Montenegro/Crna Gora/Црна Гора

e all'Albania e alle Isole Greche.

 

Compressa verso il mare sotto la continua possente spinta

dell'Impero Ottomano, già in controllo di Serbia, Bosnia ed

Erzegovina, cedute queste da Costantinopoli una volta

l'Ungheria stessa sotto attacco.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Di buono Venezia lascerà infatti su tutta la lunga costa

adriatica, da Istria a Nord fino alle isole greche al Sud,

quella infinita serie di “piccole copie di sé”, fatte di

palazzi, abitazioni, torri e fortezze, che tra l'altro

contribuiscono oggi a far annoverare Trogir nel

Patrimonio Culturale UNESCO dell'Umanità.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La targa commemorativa dell'inserimento della Città di Trogir nel

Patrimonio Culturale Mondiale dell'UNESCO nel dicembre del 1997