L'antico stemma della Città di Trieste, risalente almeno al XIII sec, Scudo

francese antico di colore rosso con uno spiedo "alla furlana" tutto argento

(erronamente chiamato "lancia" o "alabarda di San Sergio"), la sua corona

muraria di Città che sormonta il tutto

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Trst

 

                                   

Il mito di una Trieste

 

                                   

mai “slava” 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Già il solo titolo farà sicuramente ribollire

del sangue quà e là - tranquilli, non ce n'è

motivo!...

 

Trieste in Dialetto Triestino, Triest in

Tedesco e Trst in Sloveno, e non solo -

tutto qui.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Oggi Capoluogo del Friuli-Venezia Giulia, pur mutilata

del circondario si affaccia sul suo stupendo golfo Nord

estremo dell'Adriatico, fra Italia e Istria, a pochi

chilometri da Slovenia e Penisola Balcanica.

 

Da secoli crocevia europeo continentale-mediterraneo

arricchito da tre culture, la mediterranea, mitteleuropea

e slava, il suo porto commerciale tra i più trafficati

dell'intero Sud Europa.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Grandiosa a braccia aperte lì per accoglierti la Piazza "vizin el mar, serada

da tre lati, aristocratica, spaziosa e regolar" dice Corrai (Raimondo Cornet)

dell'amato "salotto di Trieste" dai moti nomi, "Piazza San Pietro" "Grande"

"Unità" "Francesco Giuseppe", "Unità d'Italia" e chissà quanti ancora, ben

cresciuta col tempo sempre più bella e monumentale di palazzi d'architetti

famosi, ingioiellata di opere di grandi artisti, vivace di caffè storici, feste e

ospiti illustri (unico rimpianto... il verde quel giardinetto!)

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Lascia

 

                                   

che ti sorprenda!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Trieste è molto più della città che ti aspetti, bellissima

Viennese, colta, dinamica, semplicemente affascinante -

per la terza volta riconosciuta come la città italiana dove

si vive meglio, 2005, 2009, 2021 (oggi Milano seconda)!

 

L'ultima indagine del “Sole 24 Ore”, prendendo in esame

i parametri chiave del “benessere”, da Trieste come la

città con più alta qualità di vita in tutta Italia, prima per

Cultura e Tempo libero, seconda per Affari e Lavoro,

quarta per Ambiente e servizi, ben piazzata per Società,

Salute, Ricchezza, Consumi e Scuola (in una società in

cui si legge sempre di meno, ottenendo il primato

nell'“indice di lettura”!), lontana dalla vetta solo per

Giustizia e sicurezza.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Stabilimenti balneari raggiungili a piedi se ne trovano

ovunque, come i vicinissimi sentieri sul Carso o stupendi

boschi della Slovenia ce ne sono e in quantità, quindi il

risultato non può essere solo attribuito alla sua “felice”

(come ben ci renderemo conto davvero questionabile!)

ubicazione geografica, deve affondare radici profonde e 

forti anche nella sua “cultura”.

 

Non dimentichiamo che è la Città di Svevo, Saba, Joyce

e Rilke, ma poter vantare il primato nell'indice di lettura

- in Italiano, Tedesco e Sloveno - la linfa deve venire da

lungimiranti investimenti proprio nella cultura (in cui è

prima), nel patrimonio museale (seconda), formazione

continua (terza) e variegate attività culturali le quali

sappiano attirare ogni fascia d'età.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Un glorioso passato asburgico ne fece la “piccola Vienna

sul mare”, con un'anima tra mare e monte, ricca di mille

contaminazioni, sa di continuo “ritrovarsi” e rinnovarsi,

incurante della bora che la sferza la sua “Barcolana”,

storica regata velica internazionale annuale di ottobre,

nel 2018 nel Guinness dei primati come “Largest Sailing

Race”, “la regata più grande del mondo”, grazie a quasi

tremila imbarcazioni iscritte.

 

Una Città, implacabili sferzate di bora a parte, capace di

regalare anche tramonti dolcemente romantici, in cui la

vita intensa dei moltissimi caffè (non bar!) caratterizza

sia ritmo che atmosfera, tra vestigia romane e castelli a

picco sul mare, pregna di storia pur non sempre “bella”

da ricordare.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Nel Segmento IV (includendo il mancante Segmento I ricostruito nel 1898

da Konrad Miller) della cosiddetta “Tabula Peutingeriana”, il famoso

itinerarium tardo-romano, unica “carta stradale” giuntaci dall'antichità in

copia medievale di una cartografia itineraria molto probabilmente del IV

sec dC, già rielaborazione dell'originale di epoca augustea, Tergeste è

molto chiaramente marcata come “Civitas”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il suo nome

 

                                   

antichissimo!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'origine avrebbe un'etimologia pre-romana con radice

addirittura pre-indoeuropea, “terg” in Illirico Antico

“mercato” (!) con un suffisso “-este” tipico della Lingua

“Venetica” di antichi Veneti o Paleoveneti, popolazione

indoeuropea stanziatasi nel Nord-Ovest della Penisola

Italica seconda metà II millennio aC - il termine terg per

mercato ancora oggi immutato in Sloveno, tьrgъ nello

Slavo ecclesiastico antico, tržište in Croato, tržnica in

Serbo, targ in Polacco e torg nel senso di “piazza” e di  

“mercato all'aperto” dallo scandinavo antico fino allo

Svedese attuale.

 

Tutti d'accordo quindi... meno i Romani, che, da provetti

accaparratori ed etichettatori di “Made in Rome”, in età

augustea cercheranno di far derivare “Tergeste” dal

Latino tergestum, anche se - “al lupo, al lupo” difficile

credergli - il geografo Strabone potrebbe averci colto:

tergestum contrazione di ter-gestum bellum = guerra/

bellum combattuta/gestum tre volte/ter, con le legioni

romane costrette a ben tre cruente battaglie prima di

sopraffare le valenti antiche popolazioni Venete locali.

 

 

Ma si sa, Trieste, ha molti nomi, in tutte le lingue che via

via ha storicamente parlato, da Tegerste in Venetico, a

Tergestum in Latino, poi distrutta dai barbari, Triest nel

Tedesco nel Trecento, Trieste in Italiano e Trieszt nello

Ungherese cosmopolita porto franco asburgico austro-

ungarico, ma di Lingua Italiana nel XXVIII-XIX sec e poi

nel Regno d'Italia dal 1918 dopo la Prima Grande Guerra

e dopo la Seconda  “Territorio Libero di Trieste” o T.L.T.,

Trst (“canneto” *) in Sloveno * e Croato, Трст/Trst in

Serbo...

 

Ma i veri nomi, a livello di Lingue locali, Trièst in Dialetto

Tergestino e Trieste in Dialetto Triestino come pure in

Lingua Veneta e in Italiano, questo lingua “identitaria”,

perché comunque Croato, Serbo, Sloveno, Tedesco e

Ungerese in tutte le succedutesi fasi storiche sempre

parlate in città da piccolissime minoranze.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

     

       

 

                                   

Più "appropriato" stemma di della Città di Trieste - ferito e sanguinante,

già secondo la leggenda con origini dal "martirio" di San Sergio nel 336 in

Persia, con relativo promesso e ricevuto segno "celeste" della sua "lancia"

conficcatasi in Piazza Maggiore, arma "inattaccabile dalla ruggine" oggi 

conservata nel Tesoro della Cattedrale di San Giusto, in realtà "spiedo alla

furlana" tipico della fanteria friulana del Patriarcato di Aquileia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una storia a dir poco

 

                                   

“complicata”!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La storia del luogo si perde nel Neolitico, da tarda Età

del Bronzo, II millennio aC la “Cultura dei Castellieri”

come in Istria, Dalmazia e Messapia, costa italica sud-

adriatica, probabilmente una etnia pre-indoeuropea di

origine illirica venuta dal mare, X-IX sec aC gli Istri e gli

antichi Veneti, prime etnie indoeuropee in contatto fra

loro con ciascuna la sua cultura, poi con i Carni, tribù

celtica, Tergeste già “snodo commerciale” fortificato.

 

La romana Tergestum castrum e porto strategico nella

conquista dell'Illiria, guerra contro i pirati Istri nel 221

aC, la vicina Aquileia fondata nel 181 aC e Guerra Istrica

178-177 aC, danno il via al processo di romanizzazione e

assimilazione dei locali, Tergeste Municipium intorno al

II sec aC e Colonia della Tribus Pupinia a metà I sec aC,

fine Età Repubblicana, citata da Giulio Cesare nel suo

“De Bello Gallico” Aquileia e Tergeste salvate dagli

Iapidi 53-51 aC, difesa da mura nel 33 aC, foro e teatro

nell'italica Regio X Venetia et Histria nel 7 dC sotto

Augusto, con Vespasiano status di Civitas, sua massima

espansione urbana e oltre 12.000 abitanti sotto Traiano

(popolazione che riavrà solo seconda metà XVIII sec!).

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Svanisce e

 

                                   

“araba fenice” riappare!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dopo la caduta dell'Impero Romano d'Occidente forte

recessione a piccolo villaggio di pescatori (Roma stessa

da metropoli di milioni di abitanti ne finirà con 45.000),

sotto controllo bizantino come Τεργέστη, Tergeste, fino

all'occupazione dei Franchi 788, diocesi Tergestum dal

VI sec fino al 1295 (dal 948 con potere temporale sul

territorio), nel XII sec la città Libero Comune, quindi per

tre secoli sotto il controllo o della Repubblica di Venezia 

o della Contea di Gorizia o del Patriarcato di Aquileia.

 

Nel 1368, per gravi atti di violenza contro una galea

veneziana lì ormeggiata, deve sottomettersi all'Austria

che poi la “venderà” proprio alla Serenissima, con la

“Guerra di Chioggia” verrà occupata 1380 dalla “Patria

del Friuli”, costretta a dedizione ad Aquileia con il

“Trattato di Torino”, morto il Patriarca 1381, nuova

dedizione agli Asburgo, seconda sottomissione con resa

firmata a Graz 1382 (autonomia comunale “salva” ma

sotto un Capitano nominato dal Duca d'Austria).

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Un “rinascimento”

 

                                   

difficile!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Prima metà Quattrocento la nuova situazione politica più

“tranquilla” permetterà a Trieste sviluppo commerciale,

portandola però inevitabilmente nel 1463 a scontrarsi

di nuovo con la “monopolizzante” Repubblica di Venezia

il cui esercito, con il gioco sporco degli Asburgo, metterà

a ferro e fuoco città, saline e campagne, con seguente

legittima ribellione contro la Casa d'Austria, che nella

notte di Capodanno del 1468 culminerà con il ripreso

possesso della città, anche se politica “marcia” porterà

Trieste a un terzo patto di sottomissione all'Imperatore,

poi risparmiata dall'Esercito Imperiale Ottomano 1470.

 

La Trieste del XVII sec è dedita alla viticoltura di

“Prosecco” ad arbustum gallicum, accoppiata ad alberi,

base economica per il borgo fortificato, letteralmente

circondato da vigneti fino allo sviluppo delle sue attività

mercantili marittime una volta proclamata porto franco,

il vino denominato proprio dal Castello di Prosecco, poi

diffusosi nel Goriziano, Veneto e Dalmazia, oggi uno dei

vini più famosi al mondo.

 

 

Fino all'istituzione del porto franco nel 1719 il borgo è

ancora saline e piccoli appezzamenti agricoli, ma con

l'attenta politica economica di Maria Teresa d'Austria,

l'estensione dei diritti nel 1747 e 1769 e gli investimenti

tra 1758 e 1769 nell'ampliamento e potenziamento dello

scalo, forte a difesa del molo e primo cantiere navale, lo

“squero” di San Nicolò, Trieste si avvierà a diventare

primo porto dell'Impero Austriaco, uno dei principali

europei.

 

Nel 1857 arriverà la ferrovia e si edificherà il “Borgo

Teresiano”, per una popolazione in crescita di sei volte

rispetto a un secolo prima, sviluppo demografico dovuto

agli immigrati austriaci, dalmati, friulani, greci, istriani,

serbi, veneti, sloveni e ungheresi, con tre principali

lingue: l'Italiano, il “Tergestino” delle persone semplici

- antico dialetto locale retoromanzo vicino alla Lingua

Friulana, non capito dagli Italiani e sostituito poi dal

“Triestino”, dialetto veneto “coloniale” - e Sloveno.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Gli ideali della Rivoluzione Francese vengono diffusi, pur con qualche

"variante", dalle Armate Napoleoniche anche a Trieste come in tutt'Europa,

creando ovunque non poco scompiglio nei rispettivi contesti sociali e

politici

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Forti venti “napoleonici”

 

                                   

oltre che bora !

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Le truppe napoleoniche occuperanno Trieste tre volte,

nel 1797, 1805, 1809, sospendendone lo status di porto

franco e provocandogli la definitiva perdita della sua

antica autonomia, alla fine inglobata nelle cosiddette

“Province Illiriche” - Carinzia, Carniola, Goriziano, Istria

Veneta e Asburgica, parte della Croazia e Dalmazia -

con conseguente abbandono della Città da parte di molti

e diffondersi di idee democratiche tra quelli rimasti, che

porteranno a maturare per la prima volta la coscienza di

un'“identità nazionale” italiana.

 

Ritornata agli Asburgo nel 1813 dopo la battaglia di

Lipsia, la Città continuerà a svilupparsi, unita con Vienna

per ferrovia nel 1857, Anni Sessanta dell'Ottocento

Capoluogo della Oesterreichisches Küstenland, il Litorale

Austriaco, dopo Vienna, Budapest e Praga quarta città

dell'Impero Austro-Ungarico ultimi decenni Ottocento.

 

 

In un clima fortemente cosmopolita, plurilingue e

plurireligioso, fino al 60% la popolazione italofona, più

un 10% di stranieri italiani immigrati dal Regno d'Italia

(insieme fino all'85% nel 1921), 25% di Lingua Slovena 

(8% nel 1921), residuale la Lingua Tedesca all'1% e

comunità ancor minori di Armeni, Croati, Ebrei, Greci,

Inglesi, Serbi, Svizzeri e Ungheresi.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Le idee rivoluzionarie di Napoleone fondamentale punto di partenza anche

per il Risorgimento Italiano, perché dopo Waterloo con Luigi XVIII sul

trono potrebbe sembrare che tutta la Rivoluzione sia già dimenticata e

tutte le sue conquiste cancellate come lo stesso Impero Francese, ma non

è affatto così, anche se molti pensano che abbia tradito gli ideali di Libertà

e di Uguaglianza, un "liberatore" finito "oppressore", negli Stati da lui

occupati abolita la servitù dei contadini e i privilegi dei nobili, garantita

proprietà e diritto al commercio, beni della Chiesa confiscati ora in mano

alla borghesia, "uomini nuovi" possono emergere facendo affidamento

solo sui propri meriti (in questo sì la reinterpretazione della Rivoluzione a

favore della nuova classe sociale!), il Codice Napoleonico di fatto legge in

Europa, continente risvegliato, palesemente più moderno e ora desideroso

di ulteriori cambiamenti, ancora più alimentato dal ritorno degli Stati allo

Ancien Régime, errore fatale che al contrario accelererà la nascita di tutti i

movimenti patriottici - anche in Italia, dove si evolverà nel Risorgimento

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Arriva

 

                                   

l'“Irredentismo” italiano!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Insieme a Trento, Trieste sarà cuore dell'“Irredentismo

risorgimentale”, più che legittima aspirazione italiana a

ricomporre la propria frammentazione ormai millenaria e

perfezionare territorialmente l'unità nazionale, questo

liberando aree sotto dominio straniero con popolazione

italiana o italofona o altrimenti connessa all'Italia da

secolari legami storici, linguistici e culturali, movimento

particolarmente attivo fra ultimi decenni del XIX sec e

primi del XX sec, da non confondere con l'“Irredentismo

fascista” di tutt'altra pasta e tutt'altra matrice.


 

Il Regno d'Italia annessa la Lombardia con la Seconda

Guerra d'Indipendenza nel 1859 e il Veneto con la Terza

Guerra d'Indipendenza nel 1866, l'Impero Austriaco

ingerirà sempre più nella gestione politica del Triestino

tutta la seconda metà XIX sec, nel tentativo di tenere a

bada il gruppo etnico italiano con tendenze  irredentiste,

addirittura proponendo piani di “germanizzazione” o

“slavizzazione” per sradicare l'Italianità dalle sue terre.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Quindi per contrastare l'Irredentismo italiano il Governo

Austro-Ungarico incoraggerà il formarsi di una coscienza

nazionale slovena con conseguente regressione dell'uso

della Lingua Italiana, pur sempre rimanendo lingua di

prestigio, fino alla fine della Prima Guerra Mondiale,

quando Trieste sarà annessa al Regno d'Italia con unica 

lingua ufficiale l'Italiano.

 

Queste manovre politiche artificiose evidentemente

a vuoto se ancora il Censimento Ufficiale Austriaco 1910

registrerà una ripartizione d'uso di “madrelingua” fra i

Triestini senza spazio per interpretazioni, con l'Italiano

a più del 50%, neppure al 25% lo Sloveno, residuale il

Tedesco al 5%, il Serbo-Croato 1% e, fra gli stranieri

residenti, a molto oltre il 10% i cittadini del Regno

d'Italia, mentre a poco più dell'1% i cittadini del Regno

d'Ungheria.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ad un secolo dal criminale rogo della "Casa del Popolo e della Cultura"

Slovena, Narodni Dom, data alle fiamme da facinorosi Fascisti Italiani nella

loro "notte dei cristalli", storico l'incontro fra i Presidenti d'Italia, Sergio

Mattarella, e Slovenia, Borut Pahor, coraggioso tentativo di pacificazione

tra memorie ancora contrapposte, traumi profondi, lacerazioni stratificate

difficili da conciliare, ciascuna parte con le "sue" memorie di guerre e

atrocità che opposte idee, ritenute "giuste" dai rispettivi, rischiano di

consolidarsi in nuove frontiere - ma la storia non è mai oggettivamente

"univoca" e a ciascuno va riconosciuto il diritto al rispetto delle "sue" 

esperienze - la storia è complessa ed è sull'ignoranza che cresce l'odio:

"Rat je rat", lo sappiamo, e dice bene Eschilo "U ratu je istina prva žrtva",

"In guerra, la verità è la prima vittima"!

 

La restituzione del Narodni Dom, proprio alla data del 13 luglio, che segna

la contestuale ascesa nefasta del Nazionalismo Fascista, dovuto atto di

riconoscimento pubblico delle persecuzioni subite dagli Sloveni, viene a

sua volta, per la prima volta!, uffcialmente ricambiata con una visita alla

"Foiba di Basovizza", memoriale altamente simbolico per orribili violenze

subite dagli Italiani, poi davanti al "Monumento dei Fucilati di Borba" quasi

si sgretola quel muro secolare di odio politico ed etnico così straziato di

ferite su entrabi i lati, balzo in avanti verso la coscienza dell'inestimabile

valore della "pluralità", nel segno dell'odierna integrazione europea, al di

là di ogni tentazione di strumentalizzazzione neonazionalista.

 

Come l'incendio di Narodni Dom è l'inizio di una stagione di oppressione da

parte del "Fascismo di confine", da oggi si va "V nov začetek", "verso un

nuovo inizio", l'edificio tornerà Casa degli Sloveni di Trieste, aperta a tutte

le identità, senza opposizioni linguistico-nazionali, una dura lezione per la

Città, perché proprio negando quella pluralità da porto mitteleuropeo si è

ritrovata periferia d'Italia e ha dovuto lavorare cent'anni per riconquistare

il suo primato, solo con l'accettazione dell'altro, il rispetto del suo dolore,

si possono lasciare alle spalle antichi torti e rancori, riconciliandosi con sé

stessi e con la storia per riprosperare "insieme".

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una gran “sparata”

 

                                   

con amarissimo rinculo!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La Prima Guerra Mondiale determinerà quindi la prima

annessione di Trieste e intera Venezia Giulia all'Italia

a fine 1918, fino all'ultimo invano contrastata al tavolo

di pace dai rappresentanti del nuovo “Regno dei Serbi,

Croati e Sloveni”, il Regio Esercito Italiano entrando a

Trieste e poi occupando militarmente la parte della

Dalmazia promessa all'Italia con il “Patto di Londra” del

1915, accordo segreto fra Italia e la “Triplice Intesa” -

Regno Unito, Francia e Russia - con cui l'Italia s'impegna

in una guerra contro gli “Imperi Centrali” in cambio di

compensi territoriali poi biasimevolmente non del tutto

riconosciuti dal nuovo “Trattato di Versailles” del 1919.

 

Questi giustificati risentimenti italiani faranno attecchire

il Fascismo “rapido e precoce” a Trieste, già nel 1920 le

prime “Squadre Volontarie di Difesa Cittadina”, nuclei

dei poi famigerati “squadristi” fascisti, e l'“Avanguardia

Studentesca Triestina” di ispirazione fascista, a Spalato

i primi “incidenti” seguiti da quelli incresciosi di Trieste

contro “Narodni Dom”, il centro culturale di Sloveni e

Slavi, “Jadranska banka", “Ljubljanska kreditna banka”,

Cassa di Risparmio Croata, il settimanale “Edinost”, la

scuola serba, altri luoghi di aggregazione delle comunità

etniche della Città, la sede del Partito Socialista Italiano,

poi con il “Trattato di Rapallo” del 1920 Trieste passerà

definitivamente all'Italia, inglobando ex Contea

Principesca di Gorizia e Gradisca, Istria e Carniola.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

 

Tipico manifesto di diretta intimidazione fascista contro la

Popolazione Slovena e Croata dell'Istria, durante la forzata

campagna di "assimilazione" degli "s'ciavi", schiavi, Slavi

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“All'armi siam Fascisti”

 

                                   

fanatici e facinorosi!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il periodo interbellico, fra la Prima e la Seconda Guerra

Mondiale metterà Trieste in ginocchio, colpita da perdita

di importanza portuale e conseguente crisi economica, i

settori commerciale e finanziario i più colpiti, e perdita

anche della sua secolare autonomia comunale e della

arricchente cultura della sua comunità germanofona, il

Fascismo al governo nazionale darà il via a Trieste e

Venezia Giulia alla sua altrettanto artificiosa politica di

“snazionalizzazione” delle minoranze cosiddette

“allogene”, di altra “stirpe” o nazione, della loro lingua e

delle loro tradizioni culturali, in poche parole della loro 

“identità” culturale e politica.

 

Da metà Anni Venti la forzata “italianizzazione” di tutti i

“toponimi” e cognomi slavi, nomi di luoghi e persone (!),

e nel 1929 proibito Sloveno e Tedesco nelle scuole, di

madrelingua di lì a poco chiuse, come circoli culturali e

stampa della comunità slovena, ma nonostante problemi

economici e tensioni politiche ne crescerà la popolazione

con la incitata immigrazione da tutt'Italia, che stagnerà

solo a metà Anni Trenta, addirittura in leggera flessione,

anche se fino alla Seconda Guerra Mondiale, la città si 

arricchirà di importanti opere urbanistiche, a carattere 

fortemente propagandistico, come l'Università e il “Faro

della Vittoria”...

 

 

Tipica azione dittatoriale e antidemocratica questo voler

“assimilare” gruppi etnici minoritari con una aperta

politica “anti-slava”, sottolineata nel quotidiano da

nefande scorrerie di squadristi fascisti con incidenti,

morti e feriti nonché gravissime ripercussioni sui già

estremamente fragili rapporti interetnici, una vera e

propria persecuzione etnica che causerà un abbandono 

della Città del 10% degli Sloveni verso il Regno di

Jugoslavia.

 

Da fine Anni Venti più che “motivata” quindi l'attività

sovversiva terrorista di organizzazioni rivoluzionarie

clandestine nazionaliste, indipendentiste, irredentiste e

antifasciste sloveno-croate della Venezia Giulia come 

“T.I.G.R.”, acronimo di Trst-Istra-Gorica-Reka”, in

Sloveno “Revolucionarna organizacija Julijske krajine

T.I.G.R.”, e Borba , per la lotta senza compromessi

contro il Fascismo e le sue istituzioni con tutti i mezzi

possibili, per l'annessione del Litorale e dell'Istria alla

Jugoslavia, fino a rovesciare il Fascismo”, dopo che

viene dato alle fiamme il Narodni dom, sede delle

organizzazioni slovene triestine, reagendo ad assassinî

fascisti con altrettanta brutalità, resistenza armata e

azioni violente contro esponenti del Regime e Forze

dell'Ordine, anche se purtroppo, come solito, con effetti

collaterali “inevitabili ma mai legittimabili” di vittime

civili innocenti.



Nel 1930 a Trieste due attentati del TIGR, contro il
“Faro

della Vittoria” e la redazione de “Il Popolo di Trieste”,

i responsabili processati dal “Tribunale Speciale per la

Difesa dello Stato”, trasferito a Trieste da Roma, quattro

condannati a morte gli altri a pene detentive dai 2 anni e

6 mesi ai 30 anni, due assolti, e a fine 1941, Seconda

Guerra Mondiale in corso, nuovo processo per terrorismo

e spionaggio contro altri nove Sloveni e Croati del TIGR,

cinque giustiziati, quattro imprigionati, neutralizzando 

così di fatto l'azione almeno armata dell'organizzazione.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La progressiva riscoperta da parte della storiografia italiana dei Lager

fascisti, fino a seconda metà Anni Ottanta sotto "imposto" silenzio, avvierà

una serie di ricerche approfondite a livello locale e nazionale sulla nostra

tristissima esperienza - perché neppure la propria storia "brutta" si

cancella!

 

La vicenda dei "Campi di internamento" fascisti in Italia e nei territori

occupati, dal punto di vista memoriale, al centro di una storia che intreccia

rimozioni, omertà, riscoperte e sovra-scritture che hanno del mitico, ma

ripercorrendola dalle prime tracce lasciate da testimoni si arriva a certezza

storica di "Regi Decreti", a comiciare il n. 1415 8 luglio 1938 e il n. 566

10 giugno 1940".

 

"Approvazione dei testi della legge di guerra e della legge di neutralita"

[...] "Sulla proposta del Duce, Primo Ministro Segretario di Stato, Ministro

Segretario di Stato per l'interno, per l'Africa Italiana, per la guerra, per la

marina e per l'aeronautica, di concerto con i Ministri per gli affari esteri,

per la grazia e giustizia, per le finanze e per le comunicazioni"... (WOW!)

 

"Applicazione della legge di guerra nel territori dello Stato. VITTORIO

EMANUELE III PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTÀ DELLA NAZIONE RE

D'ITALIA E DI ALBANIA IMPERATORE D'ETIOPIA Visti gli articoli 2, 5 e 10

del R. decreto 8 luglio 1938-XVI, n. 1415, che approva i testi della legge di

guerra e della legge di neutralità; Ritenuto che lo Stato Italiano è in guerra

con la Francia e la Gran Bretagna; Sentito il Consiglio dei Ministri; Sulla

proposta del DUCE del Fascismo, Capo del Governo e Ministro per l'interno,

di concerto con i Ministri per gli affari esteri e per l'Africa Italiana;

Abbiamo decretato e decretiamo: Articolo unico -  Le disposizioni della

legge di guerra, approvate con R. decreto 8 luglio 1938-XVI n. 1415, si

applicano, a decorrere dalle ore 24 del giorno 10 giugno 1940-XVIII, nei

territori dello Stato, compresi quelli dell'Africa Italiana e dei

Possedimenti"... (WOW!!!)
 

Insieme alle preziosissime testimonianze dei sopravvissuti e a contributi

come "I bambini sloveni nei campi di concentramento italiani (1942-

1943)" di Metka Gombač, punti di partenza per una completa (ri)scrittura

"storica" iniziata, in corso ma lungi ancora dall'essere portata a termine!

 

La foto sotto, "Bambini sfiniti dalla fame nel campo di concentramento

dell'isola di Rab-Arbe 1942-1943" (Museo di Storia Contemporanea di

Lubiana), dalla recente mostra "Quando morì mio padre", presso la "Casa

della Memoria e della Storia" a Roma, i Campi di Concentramento Fascisti

italiani in Slovenia, dall'estate del 1942 a settembre del 1943, nei disegni

e le testimonianze dei bambini "affinché non accada mai più!".

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Prima gli orrori

 

                                   

Nazi-Fascisti!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Con la disastrosa entrata in guerra nel 1940 dell'Italia a

fianco della Germania nazista lutti e disagi di ogni tipo

sempre più acuti, sinagoga assalita e danneggiata due

volte, l'invasione della Jugoslavia nel 1941 riaccenderà

dal 1942 la Resistenza Sloveno-Croata in Venezia Giulia 

anche per eventi bellici e deliberato terrorismo delle

truppe di occupazione tedesche e italiane contro Sloveni

e Croati, villaggi bruciati, decimazioni, indiscriminate

uccisioni di civili, campi di concentramento in Italia per

Slavi “allogeni” o “alloglotti” - d'altra “stirpe” o “lingua”

dall'occupato Regno di Jugoslavia e minoranze slave del

Regno d'Italia - e antifascisti italiani, annientamento

barbaro di migliaia di innocenti da Venezia Euganea del

Friuli, Venezia Giulia, Zara, a aizzare ulteriormente l'odio

interetnico creato dal Fascismo, che provocherà tragedie

per Trieste e Venezia Giulia durante e dopo il conflitto.

 

 

Lunghissime e altrettanto macabre le liste dei “Campi di

concentramento per Slavi e Italiani antifascisti”, quella

in territori oggi non più italiani, in zone di confine, e

l'altra in territori ancora oggi italiani (con accertata

presenza di Slavi “allogeni” e “alloglotti” in almeno 50

dei campi!), qui di seguito divise appunto nei due gruppi

e in ordine alfabetico:

 

 

Territori oggi non italiani

 

- Arbe/Rab, Dalmazia, Croazia, durissimo Lager civile,

10-15.000 (!!) Sloveni, Croati ed Ebrei, uomini, donne

e bambini - 1942-1943

 

- Fiume/Rijeka, Istria, Croazia, 3.500 (!) internati nella 

“Caserma Diaz”, luogo di internamento e smistamento

di Slavi e oppositori italiani del Regime

 

- Mamula/Мамула o“Lastavica”, Herceg Novi, Cattaro,

Montenegro, Lager civile sull'isolotto-fortezza, oltre

500 uomini e donne, 1942-1943