“Villa Bianca”

 

                                   

 

                                   

Un reiterato

 

                                   

delitto “culturale” di incuria

 

                                   

nel sito UNESCO

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Quando proprio

 

                                   

non si riesce a imparare

 

                                   

a scrivere la parola

 

                                   

“cultura”

 

                                   

evidentemente

 

                                   

o non si può

 

                                   

o non si vuole

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Davanti a un delitto si denuncia, non si sta a guardare!

 

 

Capisco la architettonicamente fantastica colonia estiva

per bambini, pur del “Regime”, riciclata in anonime

casette a schiera, ma in parte anche deturpata nel suo

stile nitido e pulito, posso capire i risentimenti popolari

di un secolo fa, anche se ce ne sarebbero moltissimi e 

altrettanto motivati dall'altra parte, e arrivo a capire

addirittura l'insensata distruzione nel 1932 a Trogir di

tutti i leoni marciani, alcuni dei quali autentiche opere

d'arte prima che simboli, e dei nomi delle calli, a seguito

della cavalcata rabbia esplosa col propagandisticamente

provocativo "Dovunque c'è un leone di Venezia, là c'è

l'Italia" del folle nazionalsocialista, riposi in pace se può.

 

Non capisco il fanatico spirito di vendetta che si abbatte

cieco da parte di  “moderni” politici su oggetti d'arte,

testimonianze di storia che, qualunque essa sia, non può

e non deve comunque mai venire “cancellata”, non lo

capisco quando questo avviene ad opera di un fresco e

ambizioso “nuovo” Stato e da parte di una Città “aperti

al mondo” e ancora di meno lo capisco quando si faccia

altrimenti lucrativo vanto di essere un sito “UNESCO”

(o vorrebbero forse altri folli demolire l'intero Centro

Storico alle fondamenta, e più sotto ancora fino a terra

“incontaminata” dagli umani, con tutti i qui onnipresenti

segni, ormai immanenti nelle pietre, lasciati attraverso

secoli di “occupazioni”, suicidandosi collettivamente

di neonazionalismo del momento, cancellando nella sua

stessa “essenza” la Trogir quale prodotto “storico” di

millenni, così come oggi conosciuta e per questo motivo

riconosciuta dall'UNESCO?), semplicemente perché come

di cultura si vive, di non-cultura si muore!

 

 

A chi sta perpetrando questo ennesimo “crimine

culturale” “contro ‘l'Umanità’” voglio solo dire:

 

“Se i fatti stanno così, chiunque voi siate - tutti e

ciascuno, nessuno escluso - ancora una volta non vi

state affatto dimostrando ‘degni’ di essere stati scelti

ad esempio per il mondo quali capaci e solleciti ‘custodi’

di un Patrimonio Culturale - non “vostro” né “nostro”,

ma ‘dell'Umanità’!”, So Help Me God!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Solo a uno Stato

 

                                   

che non si cura del futuro

 

                                   

conviene vendere

 

                                   

 

                                   

Ma non è

 

                                   

un buono Stato

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Costruita nel 1911 dalla Famiglia Nutrizio

poco prima del Centro Storico di Trogir,

lungo la vecchia provinciale Split-Šibenik,

“Villa Bianca” sta davvero “agonizzando”, 

in accelerante rovina da decenni, oggetto

di indifferenza, disinteresse, camuffante

burocrazia politica e con quel medesimo

subcutaneo spirito di karmica vendetta

“storica”, già così inequivocabilmente

dimostrato nei confronti del “Parco Agro-

Botanico-Culturale Garagnin-Fanfogna”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Cominciamo col dire, senza equivoci, a chi ancora non lo

sapesse tra la gente comune e gli abitanti della Città, a

chi si fa sordo e cieco di fronte a questo “misfatto

culturale” facendo “finta” di non saperlo, e soprattutto

a chi, ancora peggio, “preposto” alla sua “tutela”, da

pessimo “tutore” se ne infischia, che “Villa Bianca” è

un monumento culturale “protetto”, di proprietà della

Repubblica di Croazia, Nazione EU e Nazione UNESCO!

 

Come nessuno non può non notare, l'edificio in prima fila

sulla strada, circondato da “quinte” di case popolari e

condomini che lo isolano, lo abbracciano e allo stesso

tempo lo “esaltano”, mostra chiaramente e non da oggi

condizioni strutturali ed estetiche “allarmanti” - un tetto

che “regala via” tegole al vento di bora, facciata e infissi

esterni ormai solo languida “immagine smorta” di sé

stessi (per quel che ancora esiste), all'interno pavimenti

superiori ormai crollanti, pericolosamente incassati, e un

piano terra rialzato con seminterrato da lungo tempo

solo pietoso rifugio per senzatetto e tossicodipendenti...

 

Per dirla tutta, “Villa Bianca” è diventata una “sfacciata”

presa in giro per la gente del posto e una “scandalosa”

pubblicità negativa, proprio come il Parco Garagnin-

Fanfogna, per i numerosissimi turisti e i tanti visitatori

della Trogir “UNESCO” = “Patrimonio Culturale ‘Protetto’

dell'Umanità”, Città meravigliosa, uno dei più preziosi

gioielli dell'Adriatico, in cui vivo da residente, accolto

caldamente pur straniero, e di cui vorrei, sentendomene

estremamente orgogliosa parte, “vantarmi”, se me lo

concedessero e non dovessi invece “vergognarmene”

con estrema sofferenza in casi eclatanti come questo!


 

 

Le Autorità locali affermano di aver più volte sollecitato

invano il Ministero Croato del Demanio ad effetuare un

“urgente” sopralluogo con tutti i crismi delle condizioni

“catastrofiche” di trascuratezza e fatiscenza della Villa,

anche per cercare di evitare in extremis eventuali

conseguenze di natura “giuridica”, penali e pecuniarie,

derivanti da una “non garantita incolumità e sanità

pubbliche”.

 

Ma l'unica “reazione” di uno Stato inadempiente è stata

di continuare ad annunciarne la vendita, fin troppo ben

consapevole che, trattandosi di un monumento culturale

il suo restauro - di cui è primo responsabile! - secondo

le regole e le prassi dettate dalle vigenti leggi croate e 

sovranazionali di conservazione (con così tanta minuzia

applicate in zona ai privati!) sarà sempre più costoso e

impegnativo per ogni giorno che lascia passare.

 

 

Questo non può che suscitare motivata preoccupazione.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La vera “Villa Bianca”,

appena finita di costruire e splendente in maestoso isolamento nel verde,

in una cartolina ricordo storica del 1912, colorata a mano,

oggi conservata al Museo Civico della Città di Trogir

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Breve storia

 

                                   

di “Villa Bianca”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Prima di tutto vi invito a chiudere gli occhi per un attimo

ed immaginarvi una costa con il bagnasciuga totalmente

diverso - dal Piccolo Ponte di ingresso all'isolotto della

Città Vecchia e la Foša verso il Pantan ad Est, fino

all'Antico Mulino: nessuna stazione degli autobus,

nessun cubo di costruzioni abitative, nessun parcheggio

 

“Villa Bianca” ha originariamente un bellissimo giardino

fino al mare, sicuramente colpo d'occhio fantastico per

Trogir, appena fuori le sue mura , il suo primo edificio in

stile Jugend o Liberty, che chiamarlo si voglia, davvero

“bianca” lucente al sole dalmata, come una bella donna

“ingioiellata” delle sue eleganti e minimalisticamente 

“raffinate” decorazioni a bassorilievo in stucco.

 

 

La edifica Luigi Nutrizio Babić - padre di quella Carmen

Marija (Miglio) Schön, poi, a livello mondiale, la famosa

stilista “Mila Schön”, che proprio lì nascerà - all'epoca,

tra fine XIX secolo e inizi XX, i Nutrizio una delle più

facoltose, conosciute e influenti famiglie traurine, da soli

proprietari di gran parte dei prestigiosi immobili nel

Centro Storico di Trogir, anche se non molto dopo, finita

la Prima Guerra Mondiale, la venderà insieme a tutte le

sue altre proprietà in loco per trasferirsi in Italia.

 

Tra le due Grandi Guerre abitata da ufficiali della Regia

Marina dell'allora “Regno dei Serbi, Croati e Sloveni” e

successivamente suddivisa in abitazioni private, alla fine

dei giochi rimarrà vuota e abbandonata, “tradita” come

un'avvenente amante invecchiata malamente, soltanto

casualmente consolata dalle false coccole di “simulato”

affetto di qualche sbandato, in realtà in cerca di riparo

dal cattivo tempo o dal gelo e abbastanza disperato da

apprezzarne quel che vi resta degli arredi di ex inquilini.

 

 

Ad onor del vero, il Dipartimento di Conservazione di

Trogir chiederà e riceverà fondi per 100 mila kune da

destinare alla stesura della documentazione storico-

architettonica nesessaria alla sua ristrutturazione, ma la

Città non attuerà mai il progetto, proprio nascondendosi

pretestuosamente dietro la notizia, che ancora oggi si fa

circolare, di una sua “imminente” vendita a privati - il

classico gioco del “rimpiattino”, in cui tutti e ciascuno

a turno a sempre “stanare gli altri”, non senza però

prima dargli tutto il tempo di nascondersi al meglio, uno

stratagemma “su misura” per non vederne mai la fine...

 

Manco a dirlo, di millantati “interessati” al suo acquisto

neppure l'ombra, Comune e Dipartimento dandosi una

mano a vicenda nel “gioco delle parti”, il Dipartimento

calando sul già sufficientemente biasimevole “pasticcio”

ancora più “nebbia”, chiedendo cioè al Comune di farsi

tutore di “Villa Bianca” in sua vece, con l'ammiccante

argomentazione - in parte però oggettivamente valida! -

che ne “faciliterebbe alquanto” il prospettato restauro.

 

Poi, di qui in avanti, silenzio - è proprio il caso di dirlo -

“tombale”.

 

 

La domanda rimane più che legittima su cosa intenda

fare il Ministero Croato del Demanio con “Villa Bianca”,

già  “la Villa più bella di Trogir”, oltre che continuare

a intestardirsi a sbandierare questa mission impossible,

francamente stupida, stanchevole ed ormai addirittura

“offensiva” all'intelligenza di noi tutti!

 

Che la nostra sia dunque una diretta accusa di attenta e

“pianificata” menzogna, perché ce lo confortano i “fatti”, 

e, per cortesia e grazia di Dio, nulla da rimasticare, giù

le maschere, fine della storia - lasciateci solo aspettare,

ma mai “rassegnati”!, che a breve qualcuno se ne esca

fuori con la “ciliegina sulla torta” e cioè che, tutti quanti

i diretti e indiretti rei “lavatesene le mani” per decenni,

insinui ora come “ormai non valga più la pena” ovvero

“a questo punto non sia più possibile” restaurare “Villa

Bianca” per indurci, in altre parole, a “ingoiare il rospo”,

non solo, ma, subdolamente e manipolativamente, fare

arrivare noi stessi a pensare o addirittura a dire che...

“‘malauguratamente’ non rimanga che demolirla”

“malauguratamente” un corno!

 

 

“Villa Bianca” viene in passato già “offerta” una volta

dallo Stato Croato, per “sbarazzarsi” di questa patata

bollente, precisamente alla Città di Trogir e alla Contea

di Spalato e Dalmazia, per diritto di “prelazione”, con il

risultato però che la Città di Trogir dichiarerà di non

intendere utilizzarlo, mentre la risposta della Contea

ancora di là a divenire “ufficialmente”, anche se facendo

però opportunamente “trapelare” che lo avrebbe fatto,

se mai, con la dichiarata intenzione di volerla vendere,

mettendola all'asta con gara pubblica.

 

Quindi status quo rispetto all'atteggiamento fino ad

allora esternato dallo Stato, o, come molti anni fa

scrissero laconicamente gli stremati e disincantati

abitanti di Trieste sui muri della città contesa, “Cambia

il vaso da notte, ma la cacca resta sempre la stessa!” -

medesimo copione, cambia solo l'attore, da “titolare” a

“sostituto”, per “indisposizione culturale” ed economica

verso il proprio ruolo, a recitare la “sua” parte...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Da iconica Villa

 

                                   

dell'Art Nouveau

 

                                   

a spettrale rifugio

 

                                   

per senzatetto

 

                                   

e tossicodipendenti

 

                                   

 

                                   

Anzi prossimamente

 

                                   

nient'altro che macerie

 

                                   

 

                                   

Magari sostituita

 

                                   

(e questo senza “indugi”!)

 

                                   

dall'ennesimo

 

                                   

abominevole cubo

 

                                   

in cemento armato

 

                                   

 

                                   

Con “buona memoria”

 

                                   

delle Autorità Croate

 

                                   

a tutti i livelli

 

                                   

nazionali, regionali e locali

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Guardando i pochi resti gementi di “Villa

Bianca”, la “rifiutata”, ti travolge questa

“profonda tristezza” accompagnata da

acuto senso di nausea, il molto benvenuto 

“vomito catartico” a rigenerare te stesso.

 

Penoso spettacolo a tutto sipario alzato di

cotanta incuria, desolazione, indifferenza

culturale e professata inciviltà, povera lei 

lasciata lì indifesa e abbandonata, come

un cane-oggetto di cui “disfarsi”, non più

benvenuto in famiglia perché i “bambini”

sono ormai cresciuti...

 

 

Dolorosamente consapevole, in trepida

angoscia che “finalmente” arrivino quei

bulldozer per raderla al suolo e, sparendo,

portare via con sé un'altra testimonianza

“scomoda” della storia della Comunità.

 

Come se la Storia che “al momento non

piace” si lasciasse venir cancellata a colpi

di spugna dai “padroni” di turno, affatto

curanti del fatto che, così facendo, pezzo

dopo altro, cancelleranno la propria storia

“identitaria” riducendo sé stessi a emeriti

“nessuno”, senza più rimedio destinati a

morte “civica”, quella cioè etologicamente 

tipica degli “umani disumanizzati”, spersi

alla ricerca di nuovi “miti” - dio denaro! -

per tentare nella confusa disperazione

di sopravvivere almeno biologicamente,

se non altro, come “non-cultura”.

 

 

(Lasciatemi infine ricordare, a chi non lo

sappia o l'abbia dimenticato, che perfino

i cani “randagi” sono oggigiorno protetti,

dalla “Dichiarazione Universale dei Diritti

degli [altri] Animali”, 1978!, fortemente

supportata - ironia del caso... - proprio

dall'UNESCO, e che così tardi come a

novembre 2019, altri 32 Paesi, tra cui la

Croazia, hanno “finalmente” riconosciuto

la “sensibilità” degli altri animali.

 

Perché non essere, una volta tanto, dei

“precursori” ed estendere la definizione di

“senziente” anche ai “monumenti storici”,

portatori sani di storia e cultura umane,

per tutelarli, difenderli e prendercene al

meglio cura - tutt'interamente a “nostro”

vantaggio!, uscendo per un attimo dal

nostro “Ego-Mondo” di routine, cieco al

mondo “reale”, quell'“Eco-Mondo” in cui,

volenti o nolenti, tutto è interconnesso?)

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

comprende anche

 

 

La particolarissima Città di Traù

 

Trogir è tutta la sua storia

 

Vivere bene

La più antica farmacia d'Europa

 

L'Orto Agricolo-Botanico-Culturale

Garagnin-Fanfogna

 

“Villa Bianca”

Un reiterato delitto di incuria

 

Il nuovo ponte di Čiovo

 

Trst

Il mito di una Trieste mai “slava”

 

“Cosa Vostra”

Ancora

troppo e obsoleto provincialismo

invece di sano “localismo” 

 

Srebrenica

Bosnia ed Erzegovina

11-22 luglio 1995

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Non del tutto estranea al contesto

una per me dovuta nota a piè di pagina

“culturalmente” rilevante e rivelante

a chi possa mai interessare...

 

 

Nel mio quasi quarto di secolo a Trogir (wow!...), mi

ha sempre lasciato alquanto confuso e pieno di stupore 

la reazione, immediata e stizzita, dei miei amici - a dire

il vero più che stizzita, incazzata e quasi risentitamente

“aggressiva”, nel caso  il mio gentile interlocutore non

mi conosca abbastanza! - al mio pronunciare la parola

“Balcani”, “Balkans”, “Balkan”.

 

E mi ritrovo tutto rattristato dall'aver involontariamente

“offeso” qualcuno, pieno di sensi di colpa e di vergogna

per questa mia “boccaccia”, preso in contropiede, lì ad

annaspare come pesce fuor d'acqua balbettando ancora

di peggio - come “Ma qui siamo nei Balcani ... o no...!?”.

 

 

“Balcani” nasce come concetto puramente geografico,

a definire la Penisola “dei Balcani” o “Balcanica”, infatti

è più corretto dire anche la Penisola “Italica”, e il suo

significato originario, quale termine geografico, prende

a riferimento la “catena montuosa” che da Est ad Ovest

attraversa la Bulgaria - in Turco balkan, montagna.

 

L'intero territorio della Penisola Balcanica, comprende

oggi Bulgaria, Grecia, parte della Turchia (cioè Tracia

Orientale), tutte le neo-repubbliche dell'ex Repubblica

Federale di Jugoslavia - Bosnia ed Erzegovina, Croazia,

Macedonia del Nord, Montenegro, Serbia e Slovenia - e

Albania, come solito aggiungendo a questi Stati anche

la Romania, per aver di fatto condiviso profondamente

la storia balcanica.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La “Seconda Guerra di Morea” o del Peloponneso, nota

anche come “Settima Guerra Ottomano-Veneziana” o

“Piccola Guerra”, ma in Croazia come “Guerra di Sinj”,

l'ultimo conflitto sulla Penisola Balcanica tra le due

“superpotenze” - la Repubblica di Venezia e l'Impero

Ottomano, una guerra combattuta dal 1714 al 1718 e

conclusasi con vittoria ottomana e conseguente perdita

veneziana dei territori peninsulari greci, la monarchia

asburgica in salvifico “aiuto” della Serenissima a rischio

di perdere molto di più in caotica ritirata, vincendo gli

Austriaci sul fronte del Danubio e costringendo il nemico

alla firma del Trattato di Passarowitz, che porrà di fatto

fine alla guerra.

 

Solo nel XIX sec, insieme all'espressione puramente

geografica “Penisola Balcanica”, il termine comincerà ad

essere usato anche politicamente e altro, per designare

ad esempio la parte europea dell'Impero Ottomano,

quando in quelle aree, abbandonate via via dai Turchi 

sotto la pressione dei movimenti indipendentisti e delle

potenze europee loro sostenitrici, compariranno sulla

scena internazionale nuovi protagonisti, come Bulgaria,

Grecia, Montenegro, Romania e Serbia.

 

 

Nei libri di storia viene infatti definita come “Lega

Balcanica” la coalizione dei “Popoli Balcanici” contro la

Turchia nel 1912 e come “Guerre balcaniche” quelle

della Lega Balcanica contro la Turchia nel 1912 e 1913

(la dissoluzione dell'Impero Ottomano a consumarsi fra

il 1908 e il 1922).

 

Da ora in poi il mosaico politico dei Balcani brillerà, tutto

a suo modo, tanto di grandi utopie quanto di piccoli

Stati, eccezione fatta proprio per la Repubblica Federale

di Jugoslavia, inizi seconda metà Novecento promotrice

del “Movimento dei Paesi Non Allineati”, molti appunto

del “Terzo Mondo”, non appena indipendenti nel corso 

del processo di “decolonizzazione”, forza autonoma anti-

colonialista e anti-imperialista nel postbellico mondo

bipolare delle due interferenti “superpotenze” di allora,

“neutralismo” affatto gradito né da Stati Uniti d'America

né da Unione Sovietica, con ben 85 fra Stati e Movimenti

nel 1976 che diventateranno 108 nel 1992, comunque

nel 1979 all'Avana il sofferto messaggio d'addio di Josip

Broz Tito al Non Allineamento, proprio da lui, insieme

all'indiano Jawaharlah Nehru e all'egiziano Gamal Abdel

Naser, la visionaria triade trainante...

 

 

Oltre alle guerre nella Penisola Balcanica poi, anche

tutte le lingue qui parlate vengono assieme definite

“balcaniche”, pur appartenenti a famiglie diverse -

Albanese, Bulgaro, Greco, Macedone, Romeno, Serbo-

Croato oggi Bosniaco, Croato e Serbo, Sloveno e Turco.

 

È vero, nella Lingua Italiana moderna e contemporanea

venivano prima altrimenti fatti certi usi figurativi del

termine per definire sistemi instabili o metodi “non

ortodossi” (qui dovremmo aprire un'altra nota!...) a

proposito di ebollizioni sociali e disordini politici, anche

un modo sui generis di fare le cose o anche non farle,

ma l'Italiano oggi parlato - il corrente l'unico “reale”! -

per definire il concetto a cui legittimamente si reagisce

fa letterale ritorno alle origini geografiche del termine,

optando per “bulgaro”, come il famigerato “editto o 

diktat o ukase bulgaro” di Berlusconi il 18 aprile 2002,

contro, a sua distorta opinione, l'“uso criminoso” della

TV pubblica da parte dei due giornalisti Enzo Biagi e

Michele Santoro e del comico Daniele Luttazzi, illecito

quanto vigliacco “invito” pressante alla dirigenza RAI

ad “ostracizzarli”, cosa che di lì a poco puntualmente si

realizzerà con l'immotivata ed illegale estromissione dei

tre dai palinsesti della statale Radio Televisione Italiana!

 

 

La mia rubrica “Storie balcaniche - Dalmazia e dintorni”

vuole, naturalmente in modo scherzoso e assolutamente

non offensivo nei confronti dei locali interessati figuranti

nei miei articoli, molti di denuncia,e di eventuali lettori

italofoni o con conoscenze della Lingua Italiana,  giocare

sulla stuzzicante ambiguità della parola - e quindi...

ebbene sì, mea culpa!, dichiarandomi però subito “non

colpevole” e sperando in una assoluzione piena dagli

amici Croati “perché il fatto non sussiste” o almeno in un

marginale talmente minimo da essere in pratica più che

trascurabile e, volendo, generosamente perdonabile.